Traduci
Una capsula di Petri

Protezione pandemica

I ricercatori ritengono che un'equa distribuzione del vaccino contro il COVID-19 possa mirare ai rischi in diverse aree geografiche

Howard Waitzkin, MD, PhDCome dovrebbe essere distribuito il vaccino COVID-19 ottenere il massimo impatto nella riduzione del rischio di malattia?

Ricercatori presso l'Università del New Mexico, il Programma Allende in Medicina Sociale ad Albuquerque e il Global Institute of Public Health in India riferiscono in un nuovo studio sulla distribuzione dei vaccini in diverse parti del mondo che i vaccini sono più efficaci se distribuiti nelle aree con i rischi di base più elevati.

Lo studio peer-reviewed, pubblicato oggi sulla rivista BMJ (British Medical Journal) Medicina basata sull'evidenza, si ritiene che sia il primo studio a valutare l'efficacia dei vaccini in diverse aree geografiche in termini di riduzione assoluta del rischio.

I vaccini sono costosi da ottenere e consegnare in molti paesi a basso reddito e anche nelle aree a basso reddito dei paesi più ricchi. Solo il 12.9% delle persone nei paesi a basso reddito ha ricevuto almeno una dose di vaccino, rispetto al 63.1% della popolazione mondiale, una situazione a volte chiamata "apartheid del vaccino".

I sistemi sanitari pubblici potrebbero valutare il rischio di base di contrarre il COVID-19 calcolando il numero di nuovi casi per popolazione, che può essere utilizzato per determinare la riduzione assoluta del rischio (ARR) e il numero da vaccinare (NNV) per prevenire i sintomi in uno persona.

Queste misure consentono ai ricercatori di determinare chi potrebbe beneficiare maggiormente della vaccinazione. Le strategie basate sull'ARR hanno guidato con successo le decisioni politiche sulla distribuzione di altri vaccini, come ad esempio influenza pertosse.

Studi precedenti hanno dimostrato che ARR e NNV sono più utili della riduzione del rischio relativo (RRR), che misura gli effetti tra gruppi di persone, per valutare l'effetto di un trattamento o di un programma preventivo come la vaccinazione in popolazioni con diversi rischi di base.

Ti ricercatori hanno mostrato che l'ARR era più grande e l'NNV era più piccolo in due Nuovo Messico contee e due stati in India che in altri posizioni. Questa scoperta suggerisce che le contee e gli stati con NNV inferiori a causa di rischi di base più elevati meritavano la priorità nella distribuzione del vaccino.

"Come professionisti e insegnanti di medicina basata sull'evidenza, siamo rimasti sorpresi dal fatto che tutti gli studi pubblicati sui vaccini COVID-19 abbiano riportato RRR ma non ARR", ha affermato Howard Waitzkin, MD, PhD, autore corrispondente dell'articolo e illustre professore emerito presso L'Università del Nuovo Messico.

"L'ARR è molto più utile per capire strategie di vaccinazione fattibili in aree del mondo in cui l'accesso ai vaccini rimane un grosso problema", ha affermato. “Misure relative come RRR confrontano un gruppo di trattamento con un gruppo di controllo senza tener conto del rischio di bases di popolazioni”.

Senza grandi cambiamenti strutturali nell'ordine economico globale, è probabile che le disuguaglianze sanitarie legate alla vaccinazione rimarranno una triste realtà, sostengono gli autori.

"In questo contesto", ha affermato la giornalista investigativa Ella Fassler, autrice principale dell'articolo, "i ricercatori di salute pubblica, i responsabili politici e le parti interessate della comunità possono aiutare a generare strategie di distribuzione del vaccino basate sull'evidenza e identificare gli ostacoli che impediscono questi salvavita strategie.

"I programmi mirati diventano importanti quando affrontiamo la realtà delle barriere di accesso legate alla ricchezza, al potere, allo status di minoranza, al razzismo strutturale e ad altre fonti di profonda disuguaglianza che impediscono a gran parte del mondo di accedere a vaccinazioni salvavita".

Categorie: L'impegno della comunità, Diversità, Salute, Research, Facoltà di Medicina, Prima pagina