Traduci
Veduta aerea del campus UNM HSC
di Michael Haederle

Studio sostanziale

La partecipazione dell'UNM alla rete nazionale di studi clinici per il trattamento dell'abuso di droghe porta i suoi frutti

Quattro anni in una sovvenzione quinquennale di 9.6 milioni di dollari del National Institute on Drug Abuse (NIDA), Kimberly Page afferma che un ampio studio sui trattamenti per l'uso di sostanze nelle popolazioni rurali e svantaggiate sta dando i suoi frutti.

"Siamo attualmente impegnati in sei studi", afferma Page, un professore presso il Dipartimento di Medicina Interna dell'Università del New Mexico, che funge da ricercatore principale per la sovvenzione, una parte del National Drug Abuse Treatment Clinical Trials Network del NIDA. "Sono tutti legati alla prevenzione e al trattamento dell'abuso di droghe e della dipendenza".

La borsa di studio riunisce ricercatori dei dipartimenti di medicina interna, medicina d'urgenza, medicina di famiglia e di comunità e psichiatria e scienze comportamentali della UNM School of Medicine, dell'UNM College of Pharmacy e dei dipartimenti del campus centrale dell'UNM.

 

Kimberly Page, PhD, MPH
È un'enorme collaborazione con più gruppi e in tutto il campus. Ne sono davvero orgoglioso. Ha un impatto sull'università tutt'intorno
- Pagina di Kimberly, dottorato di ricerca, MPH

“Si tratta di un'enorme collaborazione con più gruppi e in tutto il campus. Ne sono davvero orgoglioso,” dice Page. "Ha un impatto sull'università tutt'intorno".

UNM è il nodo sud-ovest della Clinical Trials Network, uno dei 18 nodi dislocati negli Stati Uniti. Ciascuna delle istituzioni partner, tra cui Yale University, UCLA, Dartmouth College, New York University, Oregon Health & Science University e Stanford University, svolge attività di ricerca nella loro regione e contribuiscono al pool di dati.

In un progetto che coinvolge il Center on Alcohol, Substance Use & Addictions (CASAA) dell'UNM, i ricercatori stanno valutando i farmaci del centro culturale per il trattamento del disturbo da uso di oppioidi per gli indiani d'America, afferma Page.

Un'altra iniziativa, che dovrebbe iniziare a breve, studierà un modello integrato dal farmacista per il trattamento farmacologico del disturbo da uso di oppioidi.

Le modifiche alle normative relative alla somministrazione di metadone implementate in risposta all'epidemia di COVID sono oggetto di un altro studio. Il cambiamento normativo ha consentito ai pazienti di assumere dosi domiciliari di metadone, piuttosto che richiedere loro di presentarsi di persona per ricevere una dose giornaliera.

"Consente alle persone di andare avanti con il funzionamento quotidiano e il lavoro senza dover presentarsi in una clinica ogni giorno", afferma Page. Lo studio valuterà se questo approccio migliora l'aderenza al regime di trattamento con metadone.

Un altro studio confronta il protocollo standard di induzione offerto nei reparti di emergenza ospedalieri per la buprenorfina, un farmaco che tratta la dipendenza da oppioidi, con una formulazione di buprenorfina a lunga durata.

"Stiamo cercando di vedere se ciò influisce sulla loro conservazione e cura quando vengono dimessi dal pronto soccorso", afferma. "L'ED è una vera prima linea per affrontare l'uso di oppioidi".

I ricercatori stanno anche confrontando il dosaggio giornaliero di buprenorfina sublinguale con un modulo a rilascio prolungato una volta alla settimana per le donne in gravidanza, afferma Page.

I ricercatori stanno anche cercando modi per migliorare la partecipazione delle popolazioni rurali e diversificate alla ricerca clinica.

"Abbiamo uno studio che esplora le convinzioni sulla salute per aumentare la partecipazione della comunità e la diversità negli studi clinici", afferma Page. Un team dell'UNM sta collaborando con un team della New Mexico State University per creare un toolkit per informare i fornitori e i potenziali pazienti sulla partecipazione alle sperimentazioni cliniche.

Oltre a condurre studi clinici, Page ei suoi colleghi hanno anche offerto seminari e workshop per la facoltà e la comunità in generale. "Quelli sono stati estremamente ben frequentati", dice.

"Siamo molto felici", dice. "Stiamo facendo un sacco di lavoro."

Categorie: L'impegno della comunità, Research, Facoltà di Medicina, Prima pagina