Traduci
quinn
di Michael Haederle

Speranza di guarigione

I ricercatori dell'UNM studiano la stimolazione cerebrale non invasiva per il trattamento di lesioni cerebrali traumatiche lievi

Ricercatori dell'Università del New Mexico stanno conducendo uno studio multicentrico per vedere se la stimolazione cerebrale non invasiva può migliorare i sintomi cognitivi della lesione cerebrale traumatica nei veterani.

Il processo triennale da 4 milioni di dollari, finanziato dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, recluterà partecipanti dagli ospedali Veterans Affairs di Albuquerque e Minneapolis, ha affermato Davin Quinn, MD, professore al Dipartimento di Psichiatria e Scienze del comportamento dell'UNM, che funge da investigatore principale.

"Stiamo cercando veterani adulti che hanno subito una lesione cerebrale traumatica lieve nel corso del loro servizio militare, che abbraccia gli ultimi 20 anni", ha detto. "Siamo interessati agli infortuni che si sono verificati in qualsiasi momento durante quel periodo di tempo e che hanno portato a problemi cognitivi".

Le persone che subiscono lievi lesioni cerebrali traumatiche, come una commozione cerebrale, possono segnalare problemi di memoria, attenzione, risoluzione dei problemi e velocità di elaborazione che interferiscono con le attività quotidiane.

"Siamo entusiasti di far decollare lo studio", ha affermato Quinn, sta collaborando con Sarah E. Pirio Richardson, MD, capo di neurologia presso il Raymond G. Murphy VA Medical Center, e Andrew Mayer, PhD, professore al Rete di ricerca sulla mente, insieme ai colleghi dell'Università del Minnesota.

Lo studio confronterà gli effetti della stimolazione magnetica transcranica (TMS) e della stimolazione transcranica a corrente continua (tDCS), ha affermato.

"Siamo interessati a vedere quale ha un effetto più significativo, perché sono abbastanza diversi", ha detto Quinn. I risultati di tale confronto guideranno la fase successiva della ricerca.

La TMS utilizza impulsi elettromagnetici rapidi per indurre piccole correnti elettriche nella corteccia prefrontale dorsolaterale sinistra, una regione del cervello associata alla memoria di lavoro e all'attenzione selettiva. È stato approvato dalla FDA per l'uso nel trattamento della depressione.

Con tDCS, i ricercatori utilizzano un dispositivo alimentato a batteria per fornire una leggera corrente continua alla stessa regione del cervello tramite elettrodi posti sulla testa.

Lo studio prevede che i partecipanti vengano sottoposti a risonanza magnetica funzionale (fMRI) prima di iniziare i trattamenti, nonché dopo la stimolazione cerebrale per vedere se ci sono cambiamenti osservabili nell'attività cerebrale.

La scansione fMRI ha uno scopo aggiuntivo. "Usiamo le scansioni cerebrali per sviluppare parametri di stimolazione personalizzati che ogni persona riceve", ha detto Quinn.

All'UNM, Quinn ha anche studiato l'uso della TMS per alleviare la depressione in tarda età. "I nostri risultati suggeriscono che la connettività tra le regioni cerebrali coinvolte è cambiata dalla stimolazione", ha detto, aggiungendo che la depressione e il deterioramento cognitivo sembrano essere caratterizzati da iperconnettività tra diverse regioni del cervello.

"Man mano che la depressione viene alleviata o le prestazioni cognitive migliorano, le reti cerebrali sembrano diventare più indipendenti l'una dall'altra", ha detto Quinn.

Quinn e i suoi colleghi stanno reclutando attivamente partecipanti allo studio ad Albuquerque. Per ulteriori informazioni, contattare il VA Medical Center al numero (505) 265-1711 x 4935

Usiamo le scansioni cerebrali per sviluppare parametri di stimolazione personalizzati che ogni persona riceve.
- Davin Quinn, MD
Categorie: Salute, Notizie che puoi usare, Research, Facoltà di Medicina, Prima pagina