Traduci
Jessica Yeaton scia
di Michael Haederle

Spettacolo di neve

Jessica Yeaton, studentessa di terapia fisica dell'UNM, gareggerà per la squadra australiana di sci di fondo alle Olimpiadi invernali del 2022

Ogni volta che si prende una pausa dai suoi studi Nel programma di terapia fisica dell'Università del New Mexico, Jessica Yeaton ama indossare gli sci da fondo e dirigersi verso le zone innevate delle montagne Sandia per allenarsi.

Ma questa settimana, Yeaton si recherà a Pechino per le Olimpiadi invernali del 2022 come membro della squadra australiana di sci di fondo. È la seconda apparizione olimpica della 30enne: nel 2018 era in Corea del Sud per i giochi invernali.

Yeaton, nata a Perth, in Australia, ha vissuto in Texas e Dubai prima che la sua famiglia si stabilisse ad Anchorage, in Alaska, quando aveva 12 anni. "Mi sono trasferita dall'estate al cuore dell'inverno", dice. Fu lì che si mise per la prima volta gli sci.

"All'inizio non l'ho amato", dice, parlando tramite Zoom da Davos, in Svizzera, dove il suo team si è allenato negli ultimi mesi. "Ricordo di essere stato tipo, 'Questa è la cosa più difficile di sempre.'"

Ma alla fine Yeaton si è resa conto di essere effettivamente attratta da intense sfide di resistenza, come lo sci di fondo, la corsa e la mountain bike. Ha sciato nella sua squadra del liceo e al college alla Montana State University e poi ha continuato a gareggiare con una squadra di professionisti per quattro anni prima di venire all'UNM per il suo programma triennale di dottore in terapia fisica.

La madre di Yeaton è australiana e suo padre è americano. Crescendo, ha trascorso le vacanze con la famiglia a Perth, che si trova sull'Oceano Indiano nell'Australia occidentale, a migliaia di chilometri dalle poche aree sciistiche situate nelle montagne dell'Australia sud-orientale.

"Non ero molto consapevole dello sci in Australia", dice. "Qualcuno mi ha contattato al college e mi ha detto: 'Ti rendi conto che potresti sciare per la loro squadra nazionale?' Quando mi sono diplomato al college, ho deciso che volevo provare a farlo".

 

Jessica Yeaton
Mi sono davvero innamorato del New Mexico alla grande dal punto di vista dell'allenamento e il tempo è così bello!
- Jessica Yeaton, Studente del terzo anno di fisioterapia

È stata anche coinvolta nella comunità locale di sci di fondo, che prepara i sentieri nel Sandias. Con l'aiuto degli auricolari, ha scoperto che poteva continuare il suo apprendimento didattico anche mentre lavorava sulla sua resistenza. "Ascoltavo le lezioni a ripetizione mentre guidavo, o anche mentre stavo sciando", dice.

La sua formazione in alta quota ha dato i suoi frutti. Nel 2020, Yeaton ha conquistato il primo posto all'American Birkenbeiner di Hayward, Wisc., la più grande gara di sci di fondo del Nord America.

A Pechino, Yeaton correrà in cinque eventi, due dei quali sono sprint. "L'ultimo è uno è 30k", dice. "Più a lungo, meglio è per me."

Beth Moody Jones, PT, DPT, EdD, MS, capo della divisione di terapia fisica dell'UNM, all'inizio non sapeva che uno dei suoi studenti era un'olimpionica.

"Era il suo primo anno, era nel bel mezzo di un'anatomia grossolana - un corso molto difficile - e mi ha contattato per vedere se poteva tornare a scuola con un giorno di ritardo", ricorda Jones. "Mi ha detto che aveva la possibilità di correre in una corsa campestre in Europa e significava guadagnare un po' di soldi e poteva restare e completare la gara".

Alla fine del semestre primaverile 2021 Yeaton si è avvicinata a Jones per vedere se poteva prendersi un congedo per provare per la squadra olimpica.

"Era modesta e non si aspettava che saremmo stati in grado di farlo funzionare", dice Jones. “Inutile dire che ero tutto per lei che ci provava e abbiamo lavorato su un piano che le permettesse di partire e allenarsi. Siamo così orgogliosi di lei e sono così felice per lei!”

La Yeaton, che sta posticipando l'inizio delle sue ultime tre rotazioni cliniche PT fino a dopo le Olimpiadi, prevede che la medicina sportiva sarà il probabile fulcro della sua pratica quando si diplomerà entro la fine dell'anno.

"La cosa più importante nella mia vita è l'esercizio", dice. “Senza dubbio, voglio essere attivo. La mia passione è aiutare tutti gli altri a essere il più attivi possibile".

Foto: Manuel Lusti

Categorie: L'impegno della comunità, Notizie che puoi usare, Facoltà di Medicina, Prima pagina