Traduci
Wildfire
di Michael Haederle

Pericolo portato dal vento

I ricercatori dell'UNM ricevono un sussidio di 3.7 milioni di dollari per esplorare i pericoli nascosti del fumo degli incendi

Ricercatori dell'Università del New Mexico hanno ricevuto finanziamenti federali per studiare come l'esposizione al fumo degli incendi crea segni di invecchiamento prematuro nel cervello e cercare modi per inibire il processo.

Grazie a una sovvenzione quinquennale di 3.7 milioni di dollari del National Institute on Aging e Istituto Nazionale di Scienze per la salute ambientale, un team multidisciplinare guidato da Matthew Campen, PhD, MSPH, professore di Regents presso l'UNM College of Pharmacy, studierà come le particelle di fumo inalate viaggiano dai polmoni per erodere la barriera emato-encefalica.

"Abbiamo avuto incendi che stanno peggiorando sempre di più", dice Campen. “Siamo preoccupati per i cambiamenti acuti che colpiscono il cervello, come la neuroinfiammazione e la perdita della barriera emato-encefalica. Quali sono gli impatti a lungo termine? Potrebbe promuovere l'Alzheimer e altre forme di demenza?"

Lo studio unirà l'esperienza di Campen nello studio degli effetti cardiovascolari degli inquinanti inalati, con quella del ricercatore di Alzheimer Kiran Bhaskar, PhD, professore associato presso il Dipartimento di Genetica Molecolare e Microbiologia, e Mark McCormick, PhD, professore assistente presso il Dipartimento di Biochimica e Biologia Molecolare, che studia la biologia dell'invecchiamento. Il progetto include anche colleghi della Virginia Commonwealth University e della Florida International University.

Una domanda chiave ha a che fare con il ruolo dell'infiammazione nel far invecchiare prematuramente le cellule e diventare "senescenti", afferma Campen.

 

Matteo Campen, PhD
L'invecchiamento cellulare stesso potrebbe essere anticipato da tutto questo perché stai aggiungendo carburante al fuoco quando le tue cellule diventano senescenti
- Matteo Campen, Dottorato

"L'invecchiamento cellulare stesso potrebbe essere anticipato da tutto questo perché stai aggiungendo carburante al fuoco quando le tue cellule diventano senescenti", dice. “Cominciano a diventare essi stessi infiammatori. “Pensiamo che le cellule senescenti inizino a rilasciare citochine infiammatorie che fanno sì che altre cellule vicine diventino senescenti. Il fumo degli incendi può aggiungersi a questo?"

Campen e colleghi recentemente riportato che le particelle microscopiche sospese nell'aria dal fumo di legna possono viaggiare per centinaia di chilometri e, se inalate, causare effetti tossici nel cervello, anche se non sono sufficienti a scatenare i sintomi respiratori. I rischi sono significativi.

"Pensa ai milioni di persone negli Stati Uniti occidentali che sono state esposte", dice Campen. L'esposizione potrebbe innescare effetti a breve termine come depressione e ansia ed effetti a lungo termine come la perdita dell'invecchiamento sano nel cervello, dice.

La ricerca suggerisce anche che l'esposizione a lungo termine al particolato può aiutare a spiegare il numero crescente di casi di demenza negli anziani americani.

"Dal 1970, abbiamo fatto un ottimo lavoro nel ridurre l'inquinamento atmosferico", afferma Campen. “Ma quelli in vita allora sono più anziani e affrontano la demenza. Non sappiamo quanto rischio abbiamo corso a causa di ciò e quanto rischio stiamo ancora affrontando a causa di questi altri inquinanti”.

Campen si affretta ad aggiungere che lo studio non è tutto negativo.

"Uno dei lati positivi della nostra sovvenzione è che stiamo esaminando determinati interventi per vedere se possiamo inibire alcuni degli effetti sul cervello che invecchia", dice.

Un approccio si concentra sul resveratrolo, un composto antiossidante naturale presente nelle bucce dell'uva e dei mirtilli che sembra proteggere il rivestimento dei vasi sanguigni. I cervelli più vecchi non metabolizzano il resveratrolo così come quelli più giovani, quindi i ricercatori vedranno se combinarlo con un altro farmaco migliorerà i suoi effetti.

Un altro ramo dello studio si concentrerà sui "senolitici", farmaci che rimuovono le cellule senescenti prima che abbiano la possibilità di innescare effetti infiammatori nei loro vicini. La rimozione delle cellule danneggiate dal cervello "rafforza la mandria", afferma Campen.

Categorie: College of Pharmacy, Salute, Notizie che puoi usare, Ricerca, Facoltà di Medicina, Prima pagina