Fuoco in una foresta
di Michael Haederle

Pericolo di particolato

I ricercatori dell'UNM scoprono che il fumo degli incendi boschivi pone rischi neurologici

Fumo di legna da enormi incendi La scorsa estate in California il fuoco ha avvolto gran parte dell'Occidente, rendendo più difficile la respirazione per le persone che soffrono di malattie respiratorie.

Queste conseguenze respiratorie possono essere pericolose, persino pericolose per la vita, ma Matthew Campen, PhD, professore presso il College of Pharmacy dell'Università del New Mexico, vede un altro pericolo nascosto nel fumo.

In una ricerca pubblicata online questa settimana sulla rivista Scienze tossicologici, Campen e i suoi colleghi riferiscono che le particelle microscopiche inalate dal fumo di legna si fanno strada nel flusso sanguigno e raggiungono il cervello e possono mettere le persone a rischio di problemi neurologici che vanno dall'invecchiamento precoce e varie forme di demenza alla depressione e persino alla psicosi.

"Questi sono incendi che stanno attraversando piccole città e stanno bruciando auto e case", dice Campen. Microplastiche e particelle metalliche di ferro, alluminio e magnesio vengono sollevate nel cielo, a volte viaggiando per migliaia di chilometri.

Nello studio di ricerca condotto l'anno scorso a Laguna Pueblo, 41 miglia a ovest di Albuquerque e a circa 600 miglia dalla fonte degli incendi boschivi, Campen e il suo team hanno scoperto che i topi esposti all'aria carica di fumo per quasi tre settimane in condizioni strettamente monitorate hanno mostrato età - cambiamenti correlati nel loro tessuto cerebrale.

I risultati evidenziano i pericoli nascosti del fumo di legna che potrebbe non essere abbastanza denso da innescare sintomi respiratori, afferma Campen.

 

Matteo Campen, PhD
Le piccole particelle penetrano più in profondità nel tuo polmone e di conseguenza il tuo polmone ha più difficoltà a rimuoverle
- Matteo Campen, Dottorato

Man mano che il fumo sale più in alto nell'atmosfera, le particelle più pesanti cadono, dice. “Sono solo queste particelle ultrafini davvero piccole che viaggiano per migliaia di chilometri fino a dove siamo. Sono più pericolosi perché le piccole particelle penetrano più in profondità nel tuo polmone e di conseguenza il tuo polmone ha più difficoltà a rimuoverle.

Quando le particelle si insinuano nel tessuto polmonare, innesca il rilascio di molecole immunitarie infiammatorie nel flusso sanguigno, che le trasporta nel cervello, dove iniziano a degradare la barriera emato-encefalica, afferma Campen. Ciò provoca l'attivazione della protezione immunitaria del cervello.

"Sembra che ci sia una rottura della barriera emato-encefalica che è lieve, ma innesca comunque una risposta dalle cellule protettive nel cervello - astrociti e microglia - per avvolgerla e proteggere il resto del cervello dai fattori nel sangue», dice.

"Normalmente le microglia dovrebbero fare altre cose, come aiutare con l'apprendimento e la memoria", aggiunge Campen. I ricercatori hanno scoperto che i neuroni hanno mostrato cambiamenti metabolici che suggeriscono che l'esposizione al fumo degli incendi può aumentare il carico di disabilità legate all'invecchiamento.

Il team di ricerca comprendeva colleghi del College of Pharmacy e dei dipartimenti di neuroscienze, geografia e studi ambientali dell'UNM e scienze della terra e planetarie, nonché ricercatori dell'Arizona State University, della Michigan State University e della Virginia Commonwealth University.

Categorie: College of Pharmacy, Salute, Ricerca, Prima pagina