Traduci
Amanda Collare
di Michael Haederle

Parola di cautela

I ricercatori dell'UNM chiedono pratiche sicure nell'uso degli aiuti per l'arricchimento sessuale

Amanda Collar, studentessa laureata dell'Università del New Mexico stava sviluppando un potenziale vaccino per la clamidia quando ha partecipato a una conferenza scientifica in cui ha appreso per la prima volta che esisteva un mercato per i giocattoli sessuali usati.

Ero preoccupato per la possibilità di trasmettere infezioni sessualmente trasmissibili attraverso questa via
- Amanda Collare, Studente di dottorato/dottorato

"Ero preoccupato per la possibilità di trasmettere infezioni sessualmente trasmissibili attraverso questa via", afferma Collar, uno studente di MD/PhD nel UNM Scuola di Medicina. "Ho iniziato a indagare e non c'era molta letteratura sul fatto che i giocattoli sessuali potessero essere fomiti".

I fomiti sono superfici che possono trasportare virus o batteri. C'erano poche ricerche sul fatto che i giocattoli sessuali potessero diffondere la clamidia e altre infezioni e, ha scoperto Collar, non si sapeva molto su quanto fosse diffuso il loro uso.

Come primo passo, Collar e il suo mentore, Kathryn Frietze, PhD, assistente professore nel Dipartimento di Genetica Molecolare e Microbiologia, ha lanciato uno studio sull'uso delle SEA da parte delle donne – ausili per l'arricchimento sessuale (l'eufemismo accademico per i giocattoli sessuali) – riassunto in un documento pubblicato di recente nel  Journal of Sex Research.

 

Kathryn Frietz, PhD
Questo è un buon esempio del tipo di lavoro collaborativo che può avvenire presso il CTSC e utilizzando le risorse del CTSC
- Kathryn Frietz, Dottorato

Hanno utilizzato i social media per reclutare quasi 800 donne di età compresa tra 18 e 35 anni da tutto il mondo per partecipare a un sondaggio online. In un secondo round dello studio, 24 donne hanno preso parte a interviste semi-strutturate.

Lo studio ha rilevato che quasi l'80% dei partecipanti ha riferito di utilizzare giocattoli sessuali, una percentuale più elevata rispetto a quanto riportato in precedenza. "La maggior parte delle ricerche disponibili aveva almeno un decennio", afferma Collar, aggiungendo che non è stato difficile trovare partecipanti online.

"Ci sono solo meno tabù intorno a questo genere di cose ora", dice. “Abbiamo ipotizzato che la prevalenza sarebbe più alta ora a causa della positività sessuale e perché sono così prontamente disponibili. Puoi ordinarli in modo anonimo su Amazon ora.

I ricercatori hanno identificato tre coorti - donne che fanno sesso con uomini, donne che fanno sesso con donne e donne che fanno sesso con uomini e donne - e hanno trovato differenze nella frequenza con cui sono stati utilizzati i dispositivi.

Ai partecipanti allo studio è stato anche chiesto del materiale utilizzato per fabbricare i loro SEA. Il silicone era il materiale più comunemente riportato, ma molte persone non erano sicure di cosa fossero fatti. I dispositivi non richiedono l'approvazione della FDA nella maggior parte dei casi.

"I giocattoli sessuali sono realizzati con molti materiali diversi con porosità diverse", afferma Collar. “Alcuni sono più porosi e più difficili da pulire. È possibile che gli agenti patogeni possano entrare in quei buchi e sarebbe più difficile eliminarli.

Secondo il documento, c'erano prove che alcune donne condividessero i loro SEA con altre e quasi l'82% riferiva di pulirle regolarmente con acqua e sapone. "Insieme, i nostri risultati supportano la necessità di una maggiore educazione basata sull'evidenza per le donne per aumentare la sicurezza e l'igiene dell'uso della SEA", hanno scritto gli autori.

La ricerca è stata condotta con l'aiuto di una sovvenzione pilota dal UNM Clinical & Translational Science Center (CTSC), con i contributi di Jesus Fuentes e Heidi Rishel Brakey del Community Engagement & Research Core del CTSC.

"Questo è un buon esempio del tipo di lavoro collaborativo che può svolgersi presso il CTSC e utilizzando le risorse del CTSC", afferma Frietze.

Categorie: Impegno della comunità, salute, Facoltà di Medicina, Prima pagina