Traduci
Strada rurale del Nuovo Messico
di Michael Haederle

Risponditori remoti

I ricercatori dell'UNM trovano i pronto soccorso degli ospedali rurali che forniscono cure di qualità

Non è un segreto che gli ospedali rurali americani ad accesso critico stanno lottando per tenere le porte aperte e devono affrontare una miriade di sfide nel fornire cure di qualità ai loro pazienti ricoverati.

Ma in un nuovo studio, i ricercatori dell'Università del New Mexico sono rimasti sorpresi nello scoprire che le persone trattate nei dipartimenti di emergenza rurali avevano esiti paragonabili a quelli che ricevevano cure nei pronto soccorso urbani.

In un articolo appena pubblicato in JARete MA aperta, un team guidato da Margaret Greenwood-Erickson, MD, MSc, assistente professore nel UNM Dipartimento di Medicina d'Emergenza, ha esaminato le richieste amministrative di due gruppi abbinati di 473,152 pazienti Medicare ciascuno che hanno cercato cure di emergenza in ospedali urbani o rurali tra il 2011 e il 2015.

L'endpoint primario era determinare quanti pazienti erano morti per qualsiasi causa entro i 30 giorni successivi alla visita. Gli esiti secondari includevano il numero di visite di pronto soccorso con e senza ospedalizzazione durante lo stesso periodo.

Gli ospedali rurali tendono ad avere meno personale e meno risorse e un accesso limitato agli specialisti, osserva Greenwood-Ericksen, e mentre studi precedenti hanno dimostrato che i pazienti ricoverati nelle zone rurali non se la passano bene come quelli negli ospedali urbani, poche ricerche avevano precedentemente preso in considerazione i dipartimenti di emergenza rurali. .

"La nostra ipotesi era che gli ED rurali non sarebbero stati in grado di funzionare altrettanto bene", ha detto, "in particolare dato il ruolo smisurato che il trasferimento dell'interfaccia gioca nell'assicurare l'accesso a trattamenti avanzati e cure definitive". 

Una revisione dei registri di Medicare ha mostrato che gli esiti dei pazienti rurali erano molto simili per le diagnosi potenzialmente letali, come sepsi, ictus e attacchi di cuore, afferma Greenwood-Ericksen. Ma i pazienti rurali che presentavano diagnosi basate sui sintomi, come dolore toracico, malessere e affaticamento, nausea e vomito e dolore addominale, non andavano altrettanto bene.

Ritiene che una risposta medica standardizzata per una diagnosi chiaramente definita, come un attacco di cuore, aiuti a garantire risultati simili tra i pazienti con pronto soccorso rurale e urbano. 

"Per un attacco di cuore devi essere trasferito per un cateterismo cardiaco", dice. In tali casi, i medici di emergenza rurali agiranno rapidamente per diagnosticare e quindi chiameranno per trovare un ospedale in grado di eseguire la procedura e organizzare il trasferimento del paziente.

"Per me questo sottolinea ulteriormente quanto sia importante concentrarsi sull'assicurare che i processi di trasferimento funzionino bene per le condizioni sensibili al fattore tempo diagnosticate nei PS rurali", afferma.

Sintomi vaghi come la stanchezza spesso non possono essere diagnosticati con un semplice test e possono richiedere un ampio workup per identificare il problema sottostante. I pazienti rurali con tali disturbi potrebbero avere maggiori probabilità di essere ricoverati nel loro ospedale locale piuttosto che trasferiti e le loro prospettive a lungo termine non erano altrettanto buone, afferma Greenwood-Ericksen.

La nuova ricerca potrebbe contribuire alla conversazione in corso sul futuro degli ospedali rurali, afferma.

 

Margaret Greenwood-Ericksen, MD, MSc
Questi risultati mostrano che i pronto soccorso rurali stanno fornendo servizi critici e stanno andando bene
- Margaret Greenwood-Ericksen, MD, MSc

"Gli ospedali rurali stanno chiudendo sempre più", dice. “Se i pronto soccorso rurali non possono produrre buoni risultati, i politici potrebbero sostenere che aggiungono poco valore. Ma questi risultati mostrano che i pronto soccorso rurali stanno fornendo servizi critici e stanno andando bene. Ciò supporta l'argomento politico per mantenerli aperti, praticabili e come una parte fondamentale dell'assistenza sanitaria nelle aree rurali”.

Lei nota che sotto recente legislazione federale gli ospedali rurali ad accesso critico potrebbero essere convertiti in dipartimenti di emergenza indipendenti e continuare a ricevere il rimborso Medicare, a partire dal 2023.

Gli autori del documento includono i colleghi dell'UNM Cameron Crandall, MD, Naomi George, MD, MPH e Larissa Myaskovsky, PhD, nonché ricercatori dell'Università dell'Iowa e dell'Università del Michigan, dove Greenwood-Ericksen ha completato la borsa di studio del National Clinician Scholars Program prima di entrare a far parte della facoltà UNM.

Categorie: Impegno della comunità, salute, Research, Facoltà di Medicina, Prima pagina