Traduci
Mallery Quetawki e la sua pittura
Di Rebecca Roybal Jones

Apprezzamento culturale

L'artista residente dell'UNM College of Pharmacy condivide il suo patrimonio Zuni sulla home page di Google

Il 1 novembre, il pittore Zuni e Università del New Mexico College of Pharmacy l'artista residente Mallery Quetawki ha fatto il suo debutto mondiale, anche se solo per 24 ore. Sua quadri su Google, il motore di ricerca più grande del mondo, sono stati progettati per commemorare il mese del patrimonio dei nativi americani.

Sebbene il suo lavoro sia stato evidenziato solo per un giorno sulla barra di ricerca, le persone possono usarlo per sperimentare l'attività di tessitura di Google Doodle.

"Puoi ancora entrare e puoi ancora giocare al gioco della tessitura, e puoi ancora fare clic su tutti i collegamenti che sono stati condivisi, incluso il Video Youtube", dice Quetawki.

Quetawki, un'alunna dell'UNM, dice che durante l'estate è stata avvicinata da un paio di persone che le chiedevano se fosse disposta a lavorare su un progetto artistico su larga scala. Ha dovuto firmare accordi di non divulgazione e le è stato poi assegnato l'incarico.

In circa sei settimane – un'inversione di tendenza molto rapida – ha completato 24 dipinti, otto dei quali sono stati utilizzati per la puntata di Google.

Quanto segue è stato pubblicato su Google il 1° novembre: “In onore del Native American Heritage Month negli Stati Uniti, il Doodle interattivo di oggi – illustrato dall'artista ospite Zuni Pueblo Mallery Quetawki – celebra Zuni (A:shiwi) artista nativo americano della fibra, tessitore e vasaio il compianto We:wa (wee-wah). Come Łamana (thah-mah-nah), il defunto We:wa era un rispettato leader culturale e mediatore all'interno della tribù Zuni, dedicando la propria vita alla conservazione delle tradizioni e della storia Zuni. 

Mallery Quetawki e la sua pittura
Mallery Quetawki e il suo dipinto apparso su Google

 

Continua: “Nella tribù Zuni, Łamana è il terzo genere riconosciuto al di fuori del sistema binario maschio-femmina. I documenti storici hanno usato sia i pronomi 'lui' che 'lei' in riferimento a Łamana e al tardo We:wa.”

Quetawki dice di essere a conoscenza di We:wa da quando era giovane e di sentirsi in sintonia con loro. Un paio di anni fa, ha visitato lo Smithsonian Institution di Washington, DC, dove ha visto una collezione della loro arte. Sono anche parenti del clan, dice Quetawki.

"Lei era del clan Badger, e lo sono anch'io", dice Quetawki. "Quindi c'è un po' di connessione personale."

Il giorno prima di essere contattata da Google, Quetawki e i suoi amici stavano parlando di sua madre e di We:wa. La madre di Quetawki è morta l'anno scorso dopo una battaglia contro il cancro.

“Abbiamo scherzato. . . e ha detto che mia madre è probabilmente lassù, solo per divertirsi con We:wa. Probabilmente sono migliori amici", dice Quetawki. “È la cosa più strana, perché il giorno dopo, questa è la chiamata che ricevo. Era come se dovessi farlo. Ed è qualcosa che non potevo rifiutare. È davvero pulito.”

Quetawki afferma di essere entusiasta dell'opportunità di evidenziare la cultura di Zuni, aggiungendo che è stato un onore "mettere in mostra Zuni e la nostra cultura e mostrare alcune delle nostre usanze che sono ancora in circolazione, e mostrare al mondo chi era We:wa, anche."

Quetawki dice che i suoi figli stavano facendo l'attività di tessitura di Google Doodle con i suoi dipinti a scuola. "È stato un buon punto di partenza per dare il via al mese dei nativi americani nelle scuole", dice.

Spera che avere Zuni rappresentato su Google dia un senso di orgoglio ad altre comunità indigene.

"Sento che c'è molto di più in Zuni che potrebbe essere condiviso, la storia di We:wa e di come la nostra cultura avesse quell'inclusività di tutti gli individui, e che il loro ruolo di genere è qualcosa di cui tutti avevamo bisogno di essere ricordato", dice Quetawki.

"L'eredità di We:wa - la generosità e la natura empatica di chi era We:wa - è qualcosa di cui sento non solo Zuni, ma molte comunità di nativi americani hanno bisogno, specialmente durante il COVID."

L'arte Zuni è più del suo mezzo, risale alla "storia della nostra creazione", afferma Quetawki. “Sento che la mia arte è sempre stata un modo per tenere un registro. Mi piace condividerlo con altri artisti Zuni, dicendo loro che siamo i nostri storici, oltre che storici visivi".

Categorie: College of Pharmacy, Coinvolgimento della comunità, Diversità, Prima pagina