Traduci
Pronto Soccorso UNM
di Michael Haederle

Superare gli oppioidi

I ricercatori dell'UNM lavorano per creare un vaccino combinato contro l'eroina e il fentanil

Gli scienziati dell'UNM hanno ricevuto finanziamenti federali creare un vaccino combinato contro l'eroina e il fentanil, che potrebbe portare a un nuovo potente strumento per combattere la dipendenza e potenzialmente ridurre la minaccia di un'overdose letale.

La sovvenzione biennale di $ 1 milione è stata assegnata dal National Institutes of Health Iniziativa a lungo termine (HEAL) per porre fine alla dipendenza, ha affermato la ricercatrice Kathryn Frietze, PhD, assistente professore nel Dipartimento di Genetica Molecolare e Microbiologia.

"L'obiettivo è creare un vaccino combinato eroina-fentanil", ha detto. “Faremo variazioni sull'eroina e sul fentanil che ci consentiranno di mettere quei farmaci su particelle simili a virus. Poi testeremo quei vaccini candidati per vedere quale funziona meglio".

Le particelle simili a virus (VLP) sono essenzialmente virus a cui è stata rimossa la maggior parte del loro materiale genetico, rendendoli innocui. Il processo lascia intatto il rivestimento proteico esterno del VLP, quindi il sistema immunitario lo riconosce ancora come un invasore e crea anticorpi in risposta, creando una piattaforma vaccinale flessibile.

Frietze prevede di attaccare molecole di eroina o fentanil alla superficie dei VLP nella speranza di stimolare gli anticorpi che si legano a quelle molecole nel flusso sanguigno, impedendo loro di raggiungere il cervello e innescando l'effetto atteso. Ciò a sua volta attenuerebbe i loro effetti inebrianti e forse aiuterebbe le persone in cerca di cure a smettere di usare e rimanere pulite.

Una possibilità altrettanto allettante è che i vaccini possano effettivamente prevenire le overdose di farmaci legate agli oppioidi, che hanno raggiunto livelli epidemici, ha affermato. 

"Non sappiamo per certo se ci proteggeremo dall'overdose", ha detto Frietze. “È una specie di bar alto.” La domanda è complicata, perché le persone possono ingerire, fumare o iniettare queste sostanze, creando diversi livelli di esposizione nel corpo, osserva.

 

Kathryn Frietz, PhD
Faremo variazioni su eroina e fentanil che ci consentiranno di mettere quei farmaci su particelle simili a virus
- Kathryn Frietz, Dottorato

"Vedremo queste diverse vie di esposizione per caratterizzare appieno la capacità del nostro vaccino di proteggere dalle esposizioni subletali, ma esamineremo anche le quantità di overdose letali per vedere se possiamo proteggerci dalla fatalità o prolungare il tempo fino alla morte", disse Fritze.

"Potresti prevedere dove se qualcuno va in overdose di fentanyl c'è una finestra di tempo ristretta per portarlo all'assistenza medica".

Un vaccino che protegga dall'overdose da oppiacei potrebbe anche giovare a coloro che potrebbero essere inconsapevolmente esposti al fentanil, che viene spesso aggiunto alla cocaina, all'MDMA (noto anche come Ecstasy o Molly) e persino alla marijuana, ha detto Frietze.

Il team di ricerca prevede inoltre di studiare se gli anticorpi che si legano alle molecole di eroina e fentanil potrebbero riconoscere anche altri farmaci oppioidi che condividono una struttura chimica simile.

"Potremmo ottenere anticorpi che si legano a più farmaci", ha detto Frietze. "Potrebbe essere davvero bello se otteniamo una cross-reattività con quelli."

Il modello di vaccino ha funzionato sui roditori e sarà presto testato su primati non umani, ha affermato. "Se otteniamo lo stesso tipo di risposta immunitaria rapida che otteniamo nei topi, i nostri vaccini probabilmente susciteranno anticorpi ad alto titolo anche nell'uomo", ha detto.

Frietze è un co-investigatore della borsa di studio, insieme a Bryce Chackerian, PhD, professore e vicepresidente del Dipartimento di Genetica Molecolare e Microbiologia, e Matthew Campen, PhD, professore nel Collegio di Farmacia UNM con esperienza in malattie respiratorie.

Categorie: College of Pharmacy, Notizie che puoi usare, Research, Facoltà di Medicina, Prima pagina