Traduci
Un bambino sulle mani e sui piedi

Speranza neonata

UNM si unisce allo studio nazionale che confronta i farmaci per il trattamento della sindrome da astinenza da oppioidi neonatali

Neonati che sono stati esposti a farmaci oppioidi in utero mostrano spesso segni di sindrome da astinenza da oppiacei neonatale (NOWS), che li rende irritabili e pignoli. Possono avere problemi a nutrirsi e dormire e sono difficili da lenire.

Negli ultimi anni, i medici hanno appreso che nella maggior parte dei casi i bambini stanno meglio quando sono nella stanza con il loro caregiver primario, con l'allattamento al seno e un ampio contatto pelle a pelle, ma in circa il 20-30% dei casi, il trattamento con i farmaci può essere necessario.

"Nella peggiore delle ipotesi, se non ricevono cure farmacologiche, questi bambini possono contrarre o non crescere a causa di un'alimentazione inadeguata", afferma Larry Leeman, MD, MPH, direttore medico di Clinica Milagro dell'Università del New Mexico, che fornisce assistenza prenatale e post-parto alle madri che si occupano di problemi di uso di sostanze, e co-direttore medico dell'UNM Intermediate Care Nursery.

Leeman è il ricercatore principale per una sovvenzione biennale di $ 445,000 nell'ambito del National Institutes of Health Iniziativa a lungo termine (HEAL) per porre fine alla dipendenza per uno studio multi-sito che confronterà l'efficacia di tre farmaci usati per aiutare a svezzare i bambini da una dipendenza da oppiacei.

I farmaci – metadone, morfina e buprenorfina – sono tutti classificati come oppioidi, ma vengono metabolizzati a velocità diverse e i loro effetti sono alquanto diversi.

 

Lawrence Leeman, MD, MPH

Siamo entusiasti di confrontarli tutti e tre, in questo momento, non esiste un farmaco di scelta: il metadone e la morfina sono i più comuni. Speriamo di stabilire che uno è preferibile e renderlo lo standard di cura in tutto il paese.

- Lawrence Leeman, MD, MPH

"Siamo entusiasti di confrontarli tutti e tre", afferma Leeman. “In questo momento, non esiste un farmaco di scelta: il metadone e la morfina sono i più comuni. Speriamo di stabilire che uno sia preferibile e di renderlo lo standard di cura in tutto il paese”.

La buprenorfina non è attualmente utilizzata per il trattamento NOWs presso l'UNM, tuttavia, è il farmaco più comunemente usato dalle donne in gravidanza con disturbo da uso di oppiacei nella clinica Milagro, afferma Leeman.

"Se la buprenorfina è un trattamento ottimale per NOWS, allora questa potrebbe essere una scelta interessante per i genitori", afferma. "Se stai assumendo una droga e il tuo bambino ha assunto lo stesso farmaco in utero, c'è qualcosa di interessante nel mantenere il bambino sotto lo stesso farmaco".

Per i tre farmaci lo studio esaminerà la durata comparativa del trattamento, la durata della degenza in ospedale, la perdita o l'aumento di peso e altre misure di sviluppo, afferma Leeman. I bambini che necessitano di farmaci in genere rimangono in ospedale da una a tre settimane per riprendersi dai sintomi di astinenza, ma in alcuni casi può essere più lungo, con alcuni ricoveri nell'unità di terapia intensiva neonatale.

Ricerche precedenti hanno dimostrato che avere un protocollo standardizzato in un istituto è associato a una durata del soggiorno più breve, afferma Leeman. "Una delle speranze è che possiamo ridurre la durata dei ricoveri ospedalieri per portare i bambini a casa con le loro famiglie, il che farà anche risparmiare molti soldi".

Nell'ambito dell'iniziativa HEAL, la sovvenzione potrebbe essere estesa per un totale di cinque anni, afferma.

Insieme a Leeman come co-investigatori dello studio ci sono Ludmila Bakhireva, MD, PhD, MPH, direttore del Centro di ricerca e istruzione sull'uso di sostanze UNM alla Collegio di Farmacia UNM, e neonatologo Jessie Maxwell, MD, un assistente professore presso il Dipartimento di Pediatria UNM.

Categorie: Salute, Ricerca, Facoltà di Medicina, Prima pagina, Salute Della Donna