Traduci
Studenti di medicina UNM in posa
Di Rebecca Roybal Jones

Cambiare il mondo

Gli studenti di medicina dell'UNM imparano a creare una politica sanitaria e a guidare il networking globale

Dal punto di vista sociale, cosa ti fa male allo stomaco?

Amy Clithero, PhD, docente principale presso il Dipartimento di medicina familiare e comunitaria dell'Università del New Mexico, pone la domanda per incoraggiare gli studenti a pensare a qualcosa che vedono che vogliono davvero cambiare nel loro mondo.

Per Amanda Lokke, una studentessa di medicina del quarto anno, stava imparando che alcune donne hanno limitato l'accesso ai prodotti per l'igiene femminile.

Per Paul Ratmeyer, si trattava di conoscere le vaste disuguaglianze globali nell'accesso all'assistenza sanitaria.

Da sinistra a destra, Amanda Lokke, Paul Ratmeyer
Da sinistra a destra, Amanda Lokke e Paul Ratmeyer

 

Clithero, che è anche il direttore per la politica sanitaria e l'educazione ai sistemi sanitari per gli studenti di medicina, insegna un corso di politica sanitaria richiesto per gli studenti del terzo anno.

"Ecco dove inizia la politica", dice Clithero. “Ed è un formato molto strutturato per loro per essere in grado di vedere se vogliono fare un cambiamento all'interno della loro comunità, all'interno della loro scuola. Come convincono i decisori? Non chiediamo loro di attuare la politica, perché è al di fuori del loro controllo, ma li incoraggiamo a farlo".

Clithero descrive la politica sanitaria e la formazione di advocacy come robuste, aggiungendo che la maggior parte delle scuole di medicina offre il corso come facoltativo, piuttosto che come corso obbligatorio.

Lokke e Ratmeyer sono tra quegli studenti che si adoperano per fare la differenza anche se hanno già completato la classe richiesta.

 

(Gli studenti) mi ispirano ogni giorno. Vanno solo al di sopra e al di là.
- Amy Clithero, Dottorato

"(Gli studenti) mi ispirano ogni giorno", dice Clithero. "Vanno solo al di sopra e al di là."

Lokke ha lavorato con i legislatori statali la scorsa estate per elaborare una politica che elimini l'imposta sulle vendite sui prodotti per l'igiene femminile e crei un fondo per aiutare coloro che hanno bisogno di accesso ai prodotti.

"Mi sono imbattuto nel problema dell'equità del ciclo e di quanto possa essere difficile per le persone ottenere i prodotti per l'igiene mestruale di cui hanno bisogno", afferma Lokke, che sta facendo domanda per una residenza in urologia e ginecologia.

Dice che la proposta andrebbe a beneficio di "persone nei rifugi, nelle carceri o chiunque sia su Medicaid o qualcosa del genere".

L'eliminazione delle tasse sui prodotti mestruali è già in atto in diversi stati, oltre che a livello globale.

Durante l'estate Lokke ha presentato i suoi risultati al comitato ad interim dei servizi legislativi e umani. La rappresentante statale Christina Trujillo sta per creare un disegno di legge sugli sgravi fiscali da introdurre nella prossima sessione, afferma Lokke.

"Penso che rimuovere la tassazione sia importante perché è una questione di dignità e di equità", afferma Lokke. “Questo è qualcosa con cui gli uomini non hanno a che fare, e non ci sono molti prodotti che gli uomini devono acquistare regolarmente e che sono tassati. Quindi, si tratta più di equità.

"Ma quando parliamo di persone che hanno difficoltà a sbarcare il lunario e di individui che si trovano in un sistema carcerario in cui non sono in grado di ottenere abbastanza dei loro prodotti su base mensile, è importante che possiamo fornire finanziamenti per loro."

Ratmeyer è uno studente leader in un gruppo di networking globale peer-to-peer con studenti di medicina ugandesi. Si incontrano regolarmente per condividere storie su come gestiscono i diversi casi. Il gruppo di studenti fa parte del Network Towards Unity for Health, un'organizzazione internazionale in cui Clithero è nel consiglio di amministrazione che rappresenta gli Stati Uniti e il Canada.

Ratmeyer, anche lui studente al quarto anno di medicina, afferma che crescere a Gallup gli ha dato un'idea dei tipi di disparità mediche comuni all'interno delle comunità rurali.

La sua attività e leadership all'interno del Programma di educazione peer-to-peer sulla salute globale come coordinatore per gli Stati Uniti ha ampliato la sua prospettiva su come le persone accedono all'assistenza sanitaria.

"L'aspetto dell'assistenza ai pazienti in Uganda è completamente diverso dalla prospettiva che offro all'assistenza ai pazienti negli Stati Uniti", afferma Ratmeyer. “Allo stesso tempo, in questi ambienti molto diversi, puntiamo entrambi alla stessa cosa: vogliamo offrire ai pazienti la migliore assistenza possibile. Vogliamo interagire con i pazienti e trattarli con rispetto ed essere davvero lì per loro. Ed è davvero bello vedere come questo obiettivo finale si realizza in una così ampia varietà di ambienti".

Il gruppo di studenti tiene riunioni settimanali in cui un diverso gruppo di studenti fa una presentazione. Recentemente, gli studenti di medicina ugandesi hanno parlato della malaria.

“Penso che la cosa che ci manca nella nostra educazione, specialmente con queste malattie che non vediamo qui negli Stati Uniti, è questo aspetto personale di questa è l'esperienza che ho avuto con un paziente di questa malattia. E questo è davvero potente, ma è anche molto istruttivo".

"Ciò che ho tratto da questo è che qualsiasi comunicazione in qualsiasi dialogo è un importante punto di partenza", afferma.

Per gli studenti interessati a saperne di più o ad aderire al programma di educazione peer-to-peer sulla salute globale, inviare un'e-mail a pratmeyer@salud.unm.edu.

Categorie: Impegno della comunità, educazione, salute, Research, Facoltà di Medicina, Prima pagina