Traduci
Un dottore che parla con un paziente
di Michael Haederle

Problemi di test

I ricercatori dell'UNM scoprono che lo screening del cancro cervicale è abusato e anche sottoutilizzato

Screening del cancro cervicale salva vite, nessuno lo contesta.

Ma i ricercatori dell'Università del New Mexico hanno scoperto che molte donne vengono sottoposte a screening troppo spesso, portando a procedure non necessarie che possono comportare i propri danni, mentre alcune donne non vengono testate abbastanza spesso, esponendole a un rischio maggiore di risultati negativi.

Il team guidato da Cosette Wheeler, PhD, Regent's Professor nel Dipartimento di Patologia dell'UNM e direttore del Centro per la protezione HPV alla UNM Centro completo per il cancro, ha esaminato la conformità alle linee guida nazionali aggiornate per lo screening del cancro del collo dell'utero pubblicate nel 2012.

Le nuove raccomandazioni per le donne di età compresa tra 30 e 64 anni a rischio medio di cancro del collo dell'utero richiedevano il co-test per il papillomavirus umano (HPV) e la citologia a base liquida - una versione aggiornata del tradizionale Pap test - ogni cinque anni o ogni tre anni per citologia da sola.

I ricercatori hanno studiato i dati in tutto lo stato raccolti dal Registro Pap HPV del Nuovo Messico, fondata nel 2006 per valutare la consegna dello screening del cancro del collo dell'utero e riferire nel Ufficiale del National Cancer Institute che il 65% delle donne del New Mexico sottoposte a screening nel 2019 con un normale co-test precedente era stato sottoposto a un nuovo screening nei tre anni precedenti, molto più spesso di quanto raccomandato.

Allo stesso tempo, il 6.5% delle donne sottoposte a screening con un precedente co-test negativo e il 14.9% delle donne con una precedente citologia negativa da solo non sono state riesaminate per più di cinque e fino a sette anni. Questi risultati erano preoccupanti, dato che la citologia negativa da sola non fornisce la stessa garanzia di un co-test negativo per avere un basso rischio di cancro cervicale.

 

Cosette Wheeler, PhD
Non solo mostriamo l'abuso dello screening del cancro cervicale, ma mostriamo anche che sempre più donne non tornano per più di cinque anni
- Cosette Wheeler, Dottorato

"Non solo mostriamo l'abuso dello screening del cancro cervicale, ma mostriamo anche che sempre più donne non tornano per più di cinque anni", afferma Wheeler.

“In modo allarmante, poiché le raccomandazioni per gli intervalli tra gli screening cervicali sono diventate più lunghe e quindi meno frequenti, più donne escono dallo screening entro intervalli ragionevoli e raccomandati. Non torneranno prima di cinque o più anni, il che è troppo lungo per essere protetti dallo screening precedente”.

Il test eccessivo è problematico non solo perché i test HPV sono costosi, ma perché un risultato positivo non indica necessariamente un problema. Si stima che il 40% delle donne di età compresa tra 18 e 59 anni sia infetto da uno o più tipi di HPV genitale, ma la maggior parte delle infezioni scompare da sola e non rappresenta un rischio di cancro, afferma Wheeler.

"Quello che stai cercando di fare è rilevare solo quelle infezioni da HPV che causeranno o rifletteranno la malattia esistente", dice, ma le biopsie di follow-up per risolvere questa domanda aggiungono spese e, se è necessaria un'ulteriore rimozione di tessuto, può aumentare il rischio di danni riproduttivi, compreso il parto prematuro.

Le pose sotto-screening sono lo scenario peggiore, perché una donna potrebbe aver iniziato a sviluppare un cancro non rilevato se ha trascorso troppi anni senza uno screening appropriato, dice Wheeler, e le disuguaglianze nello screening, tra cui razza, etnia ed essere economicamente e socialmente svantaggiate , può contribuire ad aumentare il rischio di cancro e a ridurre l'accesso all'assistenza sanitaria.

Parte del problema risiede nelle raccomandazioni di vecchia data secondo cui le donne ricevono un Pap test ogni anno. Da un punto di vista scientifico, "le donne a rischio medio, indipendentemente dall'età, non dovrebbero sottoporsi a uno screening cervicale più di una volta ogni tre anni", afferma Wheeler. Ma lo screening di routine era almeno più facile da tenere traccia se fatto annualmente.

Suggerisce che eseguire lo screening più spesso di quanto raccomandato con il co-test ogni uno, due o tre anni ha benefici finanziari sia per i medici che per i laboratori, che è un'altra dimensione del problema.

Ora, i medici - e i loro pazienti - potrebbero non fare un buon lavoro nel tenere traccia di quando è stato eseguito l'ultimo screening e le donne spesso cambiano il luogo in cui ricevono assistenza sanitaria. Nel frattempo, negli Stati Uniti mancano per lo più sistemi di monitoraggio centralizzati per aiutare i fornitori e i pazienti a tenere traccia di quando le donne dovrebbero programmare un co-test di cinque anni o una citologia di tre anni

L'HPV Pap Registry del New Mexico, con la sua portata in tutto lo stato, è un'eccezione, afferma Wheeler. "Sistemi come questo potrebbero essere utilizzati per aiutare i fornitori a fornire uno screening conveniente e un follow-up tempestivo delle anomalie", afferma.

"Le stime per la prevenzione del cancro del collo dell'utero negli Stati Uniti erano dell'ordine di 8 miliardi di dollari l'anno prima dell'implementazione dei vaccini HPV, che rappresentano costi aggiuntivi significativi", aggiunge Wheeler. “C'è poca capacità di valutare se le linee guida cliniche vengono seguite o se ci sono impatti positivi o negativi delle pratiche delle linee guida in contesti reali. Questo è il modo in cui sta contribuendo il Registro Pap Pap dell'HPV del New Mexico". 

Categorie: Centro oncologico completo, Salute, Notizie che puoi usare, Ricerca, Facoltà di Medicina, Prima pagina, Salute Della Donna