Traduci
Un ricercatore che usa una fiala
di Michael Haederle

Gioco di prestigio

La scienziata UNM Jennifer Gillette inganna il midollo osseo per produrre più cellule staminali per il trapianto

Il nostro midollo osseo ne ospita migliaia di rare cellule staminali ematopoietiche – minuscoli mutaforma che possono trasformarsi in globuli rossi o bianchi. Ma condizioni come l'anemia falciforme o l'immunodeficienza possono danneggiare queste cellule e i trattamenti per i tumori del sangue possono distruggerle del tutto.

Per ricostruire il midollo osseo, i ricercatori hanno perfezionato l'arte del trapianto di cellule staminali, sia quelle appartenenti al paziente che quelle donate.

"Hai solo così tante di queste cellule", afferma Jennifer Gillette, PhD, professore associato in Il Dipartimento di Patologia dell'Università del New Mexico. “Queste sono cellule che sono con noi per tutta la nostra vita. Rimangono spenti quando sei sano e le cose si stanno muovendo. Ma in una condizione di stress, queste sono cellule che si accendono e si avviano e poi tornano in quiescenza”.

Gillette ha escogitato modi per indurre il midollo osseo dei donatori a rilasciare più cellule staminali nel flusso sanguigno in modo che possano essere raccolte e trasfuse.

In un nuovo documento pubblicato online nella rivista Rapporti sulle cellule staminali, Gillette e i suoi colleghi descrivono la manipolazione di una proteina chiamata CD82 che si trova sulla superficie di ciascuna cellula staminale e le aiuta a migrare dentro e fuori il midollo osseo.

Il team di Gillette ha scoperto che quando la distruzione del CD82 è associata a farmaci esistenti utilizzati per stimolare il rilascio di cellule staminali nel flusso sanguigno, il processo viene notevolmente amplificato, facendo sì che più cellule staminali trovino la loro strada in circolazione.

Uno di quei farmaci - AMD3100 - costa $ 10,000 per una singola dose, dice, e si spera che il trattamento con gli anticorpi possa essere meno costoso.

I pazienti con diagnosi di leucemia o linfoma possono essere trattati con chemioterapia e/o radiazioni, che distruggono le cellule cancerose nel midollo osseo, insieme alle cellule staminali.

 

 

Jennifer M. Gillette, PhD
Per la leucemia oi tumori del sangue stai cercando di sbarazzarti di quella popolazione maligna e sostituirla con cellule sane.
- Jennifer M. Gillette, Dottorato

"Spazza via tutto", dice Gillette. "Per la leucemia o i tumori del sangue stai cercando di sbarazzarti di quella popolazione maligna e sostituirla con cellule sane".

I pazienti possono depositare alcune delle loro cellule staminali in anticipo per i trapianti autologhi, oppure potrebbero ricevere trapianti di allotrapianto da donatori idonei.

"Ci sono alcuni pazienti che semplicemente non si mobilitano bene", dice. "Stiamo cercando un modo per migliorare il rilascio cellulare, perché il numero e la qualità delle cellule che entrano migliorano davvero la risposta dei pazienti".

Gillette ha richiesto un brevetto provvisorio per riutilizzare gli anticorpi, originariamente sviluppati per studiare il funzionamento del CD82, come trattamento clinico. "Il prossimo passo è vedere esattamente come funziona quell'anticorpo", dice.

Categorie: Centro oncologico completo, Salute, Notizie che puoi usare, Research, Facoltà di Medicina, Prima pagina