Traduci
Edificio dell'Istituto Superiore di Infermieristica
di Marlena Bermel

Riflessioni pandemiche

L'anno dell'infermiera e dell'ostetrica

Quando il COVID-19 ha spazzato il mondo l'anno scorso, gli operatori sanitari si sono trovati di fronte a scelte di vita o di morte. Come è successo, il 2020 era già stato designato il Anno dell'infermiera e dell'ostetrica dall'Organizzazione Mondiale della Sanità come un modo per evidenziare i risultati ei contributi di queste professioni.

Fatti Settimana Nazionale Infermieri 2021 (6-12 maggio), condividiamo i ricordi dei membri della comunità del College of Nursing dell'Università del New Mexico su come hanno affrontato e superato le sfide poste dalla pandemia.

Precettore infermieristico: Marissa Cortes, MSN, CNM, FNP-BC

Lavorando per El Pueblo Health Services, una clinica rurale a Bernalillo, nel Nuovo Messico, Marissa Cortes ha visto arrivare la pandemia ed è passata al lavoro da casa. Non è stata una decisione facile.

marissa-cortes.jpg

"Imparare a fornire assistenza ai pazienti per telefono quando si è così abituati a ricevere input visivi è difficile", afferma. Molti dei suoi pazienti non avevano la possibilità di connettersi tramite video o non potevano utilizzare la tecnologia. Ha lottato per cercare di mantenere la maggior parte delle persone con COVID a casa, convincendo anche coloro che avevano bisogno di cure mediche acute ad andare in ospedale.

Cortes si sentiva anche combattuto per non essere in prima linea nella pandemia. Sapere che molti dei suoi colleghi ospedalieri non avevano l'opzione di restare a casa ha creato molto senso di colpa. Tuttavia, ha trovato il suo valore nel suo lavoro.

"Anche al telefono c'è una medicina che puoi dare nell'interazione stessa", dice. “Per quanto stanco potessi essere, ho sempre provato un senso di soddisfazione nel prendermi cura delle persone”. Dice che ha fatto del suo meglio per tenere e trasportare i suoi pazienti durante lo scorso anno, mentre veniva trasportata anche da altri intorno a lei.

Cortes era particolarmente orgogliosa della sua clinica e dei loro sforzi per vaccinare la loro comunità, e fa in modo di parlare di vaccinazione con le persone e alleviare le loro paure.

Ha anche scoperto che aveva bisogno di dare la priorità alla cura di sé e ha acquisito forza come fornitore. "Volevo solo fare l'ostetrica e prendere i bambini, e in qualche modo ho finito per fare quest'altro lavoro", dice. "Sono cresciuto molto come persona e come fornitore."

Facoltà di infermieristica: Loren Kelly, MSN, RN

Come molte persone, guardare la pandemia che si sviluppa in tutto il paese e nel mondo è stato davvero difficile per Loren Kelly, ma vedere soffrire gli altri operatori sanitari è stato particolarmente difficile.

Loren Kelly, MSN, RN

Kelly ha anche trovato difficile non poter vedere i suoi genitori, che vivono nell'Est. È stata la loro influenza come educatori che l'ha ispirata a insegnare. "Ho sempre amato qualsiasi ruolo infermieristico che avesse a che fare con l'insegnamento, specialmente con il nuovo personale o gli studenti infermieri che arrivavano attraverso l'ICU", dice.

Quando l'UNM ha chiuso il suo campus per frenare la diffusione del virus, Kelly ha lavorato duramente per cambiare rotta, il che ha richiesto più tempo ed energia. Reimmaginare un programma di scienze della salute ha aggiunto più complessità mentre cercava un modo per i suoi studenti di acquisire esperienza clinica. 

Insieme alla collega di facoltà LeeAnna Vargas, Kelly ha creato quattro diverse esperienze cliniche per gli studenti che potevano essere svolte in remoto ma coinvolgevano la cura del paziente e le partnership attraverso l'UNM e i confini. Gli studenti sono stati in grado di svolgere attività di sensibilizzazione attraverso i servizi di consulenza e salute degli studenti dell'UNM, le chiamate di assistenza e le chiamate ai vaccini con il Dipartimento della salute del New Mexico e la tracciabilità del contratto per Chinle Public Health Nursing nella nazione Navajo.

"Non abbiamo potuto fare le nostre tipiche esperienze cliniche, ma potremmo creare una collaborazione e progettare un modo in cui gli studenti possano imparare, servire e aiutare", afferma.

Kelly riconosce alcuni aspetti positivi nell'avere l'opportunità di essere un'insegnante e un'infermiera durante una pandemia. Nonostante l'incertezza del mondo, si sentiva preparata per il momento. "Sento di avere accesso per aiutare a modellare il modo in cui voglio spendere le mie energie in futuro".

Studente di infermieristica: Brandon Thompson

Da studentessa che studiava per diventare infermiera, il mondo di Brandon Thompson è stato sconvolto dalla pandemia. Cambiare le lezioni da di persona a online, non essere in grado di fare cliniche di persona e voler aiutare ma non essere in grado di farlo sono solo alcune delle sfide che gli studenti di infermieristica devono affrontare.Brandon Thompson

"La parte più difficile è stata vedere quante persone il mondo stava perdendo", afferma Thompson. “Ho intrapreso questa professione per aiutare le persone. Qualsiasi studente in sanità può relazionarsi”.

Thompson ha riversato i suoi sforzi nel volontariato in molti modi diversi per cercare di fare la sua parte. Ha lavorato presso il Dipartimento della Salute del New Mexico sulla hotline COVID parlando con le famiglie dei detenuti che avevano paura per i loro cari, ha tenuto una presentazione a bambini dell'asilo e delle scuole medie sull'importanza di indossare la mascherina e ha lavorato con gli studenti del Bosque Scuola, facendo loro sapere come essere al sicuro durante il COVID.

Ha anche aiutato con le dispense alimentari in tutta l'area metropolitana, assistendo le famiglie fornendo cibo a coloro che non possono viaggiare e facendo da mentore agli studenti di infermieristica online utilizzando Instagram. "La mia comunità aveva bisogno di aiuto", afferma Thompson. “Non riguardava me. Penso che sia stato il più grande punto di apprendimento del COVID”. 

Nativo della Giamaica, Thompson è nel New Mexico solo da quattro anni, eppure lo considera la sua casa. Si è integrato nella comunità UNM e sta lavorando duramente per renderlo un luogo più sano.

Thompson è attualmente in un programma di ricerca con John P. Sanchez, MD, MPH, un medico di emergenza dell'UNM Hospital, in cui sta studiando il melanoma nella pelle pigmentata. La sua ricerca sarà pubblicata questo mese. Thompson sa che gli afroamericani spesso credono erroneamente di non aver bisogno di protezione solare. "Avere una persona di colore, come me, che viene a insegnare loro sarebbe di grande valore", dice.

Dopo la laurea, Thompson vorrebbe lavorare al pronto soccorso dell'UNM. Sogna un giorno di diventare un infermiere e di avere una clinica tutta sua. "Il mio obiettivo è avere una clinica che tratti tutti e avere una rappresentazione come un uomo di colore", dice.

Alumna infermieristica: Nichele Salazar, MSN, CNM

Chiedi a Nichele Salazar perché è diventata un'infermiera-ostetrica e ti dirà che l'ostetrica l'ha trovata. “Ero un'infermiera del pronto soccorso”, dice, “Pensavo all'ostetricia come al parto in casa per le famiglie fortunate. Inoltre, avevo bisogno di avere a disposizione la mia attrezzatura di emergenza”. Ma in infermiera-ostetrica non avrebbe potuto chiedere un adattamento migliore. 

nichele-sanchez.jpg

La parte più difficile della pandemia è stata apportare innumerevoli modifiche per continuare a fornire cure di qualità ai suoi pazienti. Al San Juan Regional Medical Center di Farmington, NM, molti dei pazienti di Salazar non avevano accesso ai telefoni per le visite televisive.

"Dovevamo essere creativi su come avremmo visto i pazienti", dice. Il personale doveva anche trovare modi per supportare i pazienti in travaglio che ora avevano restrizioni sui visitatori. Dovevano fornire ulteriore supporto ai pazienti dopo il parto che ora erano isolati e non potevano avere il supporto che avrebbero avuto se non ci fosse stata una pandemia.

La sfida più allarmante è arrivata quando Salazar ha notato che le placente delle donne incinte avevano un aspetto diverso rispetto a prima della pandemia - e non importava se il paziente avesse o meno il COVID. Ciò ha iniziato la sua ricerca per trovare una risposta e ha ipotizzato che fosse dovuto al cambiamento nella nutrizione e all'aumento dello stress. 

"Dicevamo alla gente di non andare al negozio per un paio di settimane, quindi le persone facevano scorta di alimenti trasformati", dice. “Sono entrato nel negozio per trovare scaffali vuoti, ma i prodotti in abbondanza. È stato un grande cambiamento. Anche le persone non si esercitavano".  

Ciò ha contribuito a formare il suo desiderio di tornare a scuola e guadagnare il suo dottorato di pratica infermieristica. Salazar ha recentemente completato un certificato di scienze della nutrizione per operatori sanitari presso la Tufts University e ha appena terminato il suo primo semestre alla Duke University. Userà il suo desiderio di aiutare la sua comunità con esigenze nutrizionali per alimentare la sua ricerca nel suo programma DNP. 

"La nutrizione non risolverà tutto", dice, "ma sarà la base per metterci sulla strada giusta".

Categorie: College of Nursing, Impegno della comunità, Istruzione, Salute, Prima pagina