Traduci
Una donna anziana che parla con le infermiere

Alleviare le preoccupazioni

La nuova guida aiuta a creare fiducia nel personale delle case di cura per quanto riguarda i vaccini COVID-19

Una nuova guida basata sulla ricerca è disponibile per aumentare la diffusione del vaccino COVID-19 tra i lavoratori delle case di cura. Investire nella fiducia: una guida per costruire fiducia sui vaccini COVID-19 e aumentare i tassi di vaccinazione tra le CNA affronta le preoccupazioni e le sfide che i lavoratori delle case di cura hanno espresso e delinea gli approcci più efficaci per creare fiducia nel vaccino e rendere più facile per loro vaccinarsi.

L'Università della Florida Centro per le comunicazioni di interesse pubblico ha prodotto la guida per il Rete nazionale d'azione per il COVID-19 delle case di cura, una partnership tra il Agenzia per la ricerca e la qualità sanitaria (AHRQ) che collaborano con noi, attingono direttamente dalla storia e dalla tradizione veneziana Progetto ECHO, il programma di tele-mentoring dell'Università del New Mexico.

Investire in fiducia fornisce approfondimenti dalla scienza sociale, comportamentale e cognitiva e dalla ricerca primaria e include le voci degli operatori delle case di cura che si sono vaccinati o che stanno ancora considerando di ricevere il vaccino. La guida costituisce il tipo di strumenti e risorse basati sull'evidenza che la rete ha creato per aiutare i leader delle case di cura a implementare pratiche di prevenzione e sicurezza delle infezioni basate sull'evidenza per proteggere i residenti e il personale.

"Per proteggere completamente i residenti e il personale delle case di cura da COVID-19, la cosa migliore che possiamo fare è continuare ad aumentare i tassi di vaccinazione, specialmente tra gli assistenti infermieristici certificati, che sono la spina dorsale della forza lavoro delle case di cura", ha affermato David Meyers, MD, amministratore delegato di AHRQ. "Ciò significa capire da dove vengono e incontrarli dove sono con messaggi che affrontano le loro preoccupazioni e interventi pratici che li aiutino a vaccinarsi".

Negli Stati Uniti, la ricerca ha scoperto che un numero significativo di lavoratori delle case di cura in prima linea non è stato ancora vaccinato contro il COVID-19 perché è in modalità "aspetta e vedi", non vuole il vaccino o ha incontrato ostacoli come la mancanza di trasporto o permessi retribuiti. 

 

 

Sanjeev Arora, medico

Se vogliamo capire cosa impedisce ai lavoratori di farsi vaccinare, dobbiamo rivolgerci agli esperti: gli stessi lavoratori in prima linea

- Sanjeev Arora, MD

"Se vogliamo capire cosa impedisce ai lavoratori di farsi vaccinare, dobbiamo rivolgerci agli esperti, gli stessi lavoratori in prima linea", ha affermato il fondatore e direttore del progetto ECHO Sanjeev Arora, MD. "L'incorporazione della saggezza e dell'intuizione in prima linea, insieme a ciò che sappiamo dalla scienza, è ciò che rende questa guida così unica e preziosa".

Un recente sondaggio su 233 dipendenti di case di cura e assistenza a lungo termine negli Stati Uniti ha informato la guida e ha rivelato che i lavoratori delle case di cura spesso affrontano sfide significative per vaccinarsi. I risultati suggeriscono che i datori di lavoro possono aumentare i tassi di vaccinazione offrendo permessi retribuiti al personale per ottenere il vaccino e per riprendersi da eventuali effetti collaterali a breve termine, offrendo buoni di trasporto o assistenza all'infanzia e organizzando unità di vaccinazione sul posto di lavoro.

La rete ha scoperto che i messaggi più efficaci per costruire la fiducia nei vaccini sono fare appello al desiderio dei lavoratori di proteggere gli altri dal contrarre il virus e prevenire la diffusione di malattie infettive nella società. 

Tra gli intervistati del sondaggio CPIC che erano titubanti sul vaccino, le fonti di informazioni più attendibili includevano (nell'ordine), "la mia famiglia", "professionisti sanitari locali", "i miei amici più stretti", "i miei leader religiosi" e il Centers for Disease Control and Prevention. I meno fidati erano "il mio datore di lavoro" e i "leader politici".

Lori Porter, CEO di Associazione Nazionale Assistenti Sanitari, la più grande associazione professionale che rappresenta la forza lavoro degli assistenti infermieristici certificati, all'inizio ha esitato a prendere il vaccino fino a quando un'organizzazione partner che rappresenta i direttori medici nell'assistenza a lungo termine le ha illustrato le sue preoccupazioni.

"Anch'io avevo delle domande", ha detto Porter. “E quando le mie domande hanno avuto risposta, sono uscito a sostegno del vaccino e ho fatto la mia dichiarazione ai nostri membri. Ma qualcuno ha dovuto prendersi il tempo per rispettare le mie preoccupazioni".

Categorie: ECHO, Prima pagina