Traduci
Un medico che tiene uno stetoscopio sulla pancia di una donna incinta
di Michael Haederle

Dose di sollievo

Il programma Milagro dell'UNM offre assistenza medica alle gestanti dipendenti da oppiacei

All'Università del New Mexico's Programma Milagro, che tratta le donne incinte che soffrono di disturbi da abuso di sostanze, il direttore medico Larry Leeman, MD, MPH, ha individuato una nuova tendenza preoccupante.

Nell'ultimo anno il fentanil, un potente oppioide sintetico, ha ampiamente soppiantato l'eroina e l'ossicodone come droga da strada facilmente reperibile, riducendo l'efficacia della buprenorfina, un farmaco per il trattamento della dipendenza che viene somministrato a quasi tre quarti della popolazione dei pazienti di Milagro.

"Quello che stiamo scoprendo qui è che è più difficile far assumere a una donna la buprenorfina dal fentanil", dice Leeman. I pazienti normalmente iniziano con la buprenorfina dopo aver interrotto per la prima volta l'uso di un farmaco oppioide illecito, e questo allevia i loro primi sintomi di astinenza e riduce il loro desiderio di sballarsi.

Il fentanyl, che è 50 volte più potente dell'eroina, complica l'equazione, dice.

"Il fentanyl rimane nel corpo a lungo", afferma Leeman, un professore del UNM Dipartimento di Famiglia e Medicina di Comunità, con un appuntamento secondario in Ostetricia e Ginecologia. “I pazienti devono aspettare più a lungo per iniziare la buprenorfina e manifestano più sintomi di astinenza. Finiscono per usare (fentanyl) prima di avere tutta la loro buprenorfina a bordo”.

Leeman e i suoi colleghi hanno recentemente iniziato a prescrivere microdosi di buprenorfina ai loro pazienti per vedere se possono attenuare i sintomi di astinenza e aiutare le donne ad aderire al loro piano di trattamento.

I pazienti iniziano con piccole dosi di buprenorfina mentre stanno ancora usando le loro droghe illecite, quindi aumentano gradualmente il dosaggio in 10-XNUMX giorni. "Ha i potenziali vantaggi di non avere il ritiro", dice Leeman, aggiungendo che il nuovo protocollo sembra essere ben tollerato finora.

Ad alcune donne del Programma Milagro viene prescritto il metadone, che è un trattamento efficace per la dipendenza, ma deve essere somministrato ogni giorno in una clinica, rendendolo una scelta poco pratica per le persone che vivono nelle zone rurali del New Mexico, dice.

 

Lawrence Leeman, MD, MPH
Se hai donne che stanno assumendo farmaci per il disturbo da uso di oppiacei, è più probabile che continuino con le cure prenatali
- Larry Leeman, MD, MPH, Direttore Medico del Programma Milagro

UNM è anche un sito di sperimentazione clinica per il MOM (trattamento farmacologico per madri in attesa dipendenti da oppiacei) studio, sponsorizzato dal National Institute on Drug Abuse. Lo studio sta confrontando la solita dose orale giornaliera di buprenorfina con una forma iniettabile a rilascio prolungato del farmaco per vedere se potrebbe portare a una migliore aderenza al regime e portare a migliori risultati materno-fetali, dice Leeman.

In qualità di membro del American Society of Addiction Medicine, Leeman si consulta spesso con i colleghi che trattano pazienti in gravidanza. "La maggior parte delle persone sono leader e ricercatori della zona", afferma. "Abbiamo parlato in gruppo di protocolli di microdosaggio e condivisione".

L'abuso di oppiacei colpisce la maggior parte degli Stati Uniti occidentali, afferma Leeman. "Siamo davvero uno degli epicentri dell'epidemia di oppiacei". Il Programma Milagro, fondato nel 1989, cura ogni anno tra 160 e 180 donne incinte con disturbo da uso di oppiacei, dice.

"Se hai donne che assumono farmaci per il disturbo da uso di oppiacei, è più probabile che continuino con le cure prenatali", afferma Leeman. "Hanno meno probabilità di avere bambini con restrizione della crescita e parto prematuro, e i loro bambini hanno meno probabilità di avere sintomi di astinenza da oppiacei".

Dopo il parto, molte delle madri e dei neonati del programma Milagro si trasferiscono nel Programma FOCUS, che fornisce servizi a famiglie e bambini fino all'età di 3 anni. "È un'integrazione innovativa che abbiamo qui in UNM", afferma Leeman.

Le donne trovano la loro strada verso il Programma Milagro in vari modi. "Siamo ben conosciuti nella comunità", dice. “La gente chiama – la famiglia chiamerà. Essere incinta è una grande motivazione sia per le donne che per le loro famiglie a cercare aiuto”.

Per fissare un appuntamento con la Clinica Milagro chiamare il numero (505) 463-8293.
Categorie: Impegno della comunità, salute, Ricerca, Facoltà di Medicina, Prima pagina, Salute Della Donna