Traduci
${alt}
di Michael Haederle

Riprodurre la Conoscenza

Trovare un modo migliore per condurre revisioni sistematiche

Nelle scienze della salute, le revisioni sistematiche svolgono un ruolo chiave nell'illuminare un argomento combinando ricerche bibliografiche complete e analisi approfondite per fornire le migliori informazioni su tale argomento.

Ma queste recensioni sono valide solo quanto la loro metodologia di raccolta delle informazioni - e si scopre che la loro qualità non è quella che dovrebbe essere.

"Vediamo molte persone che stanno facendo revisioni sistematiche", afferma Melissa Rethlesfesen, che di recente ha iniziato come direttrice esecutiva dell'Università del New Mexico Health Sciences Library & Informatics Center.

melissa-rethlefsen.jpgSpesso, "le persone non riportano accuratamente ciò che hanno fatto, quindi non puoi dire a quale database hanno avuto accesso", afferma. “Usano una metodologia molto povera. Non puoi effettivamente dire cosa hanno fatto, quindi non puoi valutarlo da solo.

Le revisioni sistematiche sono talvolta descritte come una sorta di "sintesi delle prove", afferma Rethlefsen. Non solo modellano il processo decisionale medico e scientifico, ma guidano anche i responsabili delle politiche.

In un nuovo articolo pubblicato online sulla rivista Recensioni sistematiche, Rethlefsen e colleghi negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Canada, in Germania e in Australia propongono linee guida per garantire che i revisori seguano passaggi ben definiti per garantire che le loro ricerche siano accurate e riproducibili.

"Ci siamo resi conto che non c'era consenso su ciò che effettivamente costituiva una ricerca riproducibile o metodi riproducibili", afferma Rethlefsen. “Vogliamo contrastare quelli che vediamo come grossi problemi con tutto questo corpo di letteratura. Stiamo davvero cercando di migliorare la qualità di quelle recensioni.”

Rethlefsen e i suoi colleghi si sono concentrati sulla dichiarazione PRISMA (Preferred Reporting Items for Systematic Reviews and Meta-Analyses), elaborata nel 2009 come primo passo per affrontare questo problema.

La lista di controllo PRISMA include tre sezioni specificamente relative alle ricerche bibliografiche, ma il team ha scoperto che sono state formulate in modo così ampio che molti ricercatori che seguono le linee guida hanno omesso di completare i passaggi chiave, afferma.

Le ricerche nella letteratura sono complicate dal fatto che i riferimenti a ricerche pubblicate in precedenza possono essere sparsi su più database, ciascuno con un protocollo di ricerca e indicizzazione unico, afferma Rethlefsen.

"Quello che stiamo vedendo è che le persone stanno facendo questo tipo di revisioni della letteratura che non sono state formate e non capiscono le sfumature di come funzionano tutti questi sistemi di informazione", dice.

Rethlefsen e i suoi colleghi stanno proponendo una lista di controllo di 16 elementi soprannominata PRISMA-S come passo per rendere il processo di revisione più accurato e trasparente. È stato redatto in vista di una revisione del 2020 della principale Dichiarazione PRISMA, di prossima pubblicazione.

"C'era un'enorme richiesta repressa per questo", dice della loro nuova lista di controllo, che ha già avuto più di 5,000 visualizzazioni da quando è stata pubblicata alla fine di gennaio.

Un altro modo per migliorare la qualità delle revisioni sistematiche è arruolare i servizi di uno specialista dell'informazione o di un bibliotecario per aiutare a creare ricerche bibliografiche, ma questa opzione non è disponibile per tutti. "Può essere un costo proibitivo perché non tutte le squadre hanno necessariamente un bibliotecario a loro disposizione", afferma Rethlefsen.

Nel frattempo, la checklist PRISMA-S potrebbe essere facilmente applicata ad altre discipline, come le scienze ambientali e sociali, afferma. "Farà parte del nostro processo andare avanti, cercando di lavorare con i ricercatori in quei settori per aiutarli a capire".

Categorie: Educazione, Research, Prima pagina