Traduci
${alt}
di Michael Haederle

Alla ricerca di una diagnosi

Il relatore del Grand Round dell'UNM mette in evidenza la Giornata delle malattie rare 2021

David Fajgenbaum era l'immagine della salute mentre era uno studente universitario alla Georgetown University, ottenendo un posto come quarterback per la squadra di football.

Ma pochi anni dopo, mentre era uno studente del terzo anno alla Perelman School of Medicine dell'Università della Pennsylvania, Fajgenbaum si ammalò gravemente "dal nulla" di insufficienza multiorgano.

"Il mio fegato, i miei reni, il mio midollo osseo si sono spenti", dice. “Ero in dialisi. Avevo bisogno di trasfusioni di sangue quotidiane. Ho guadagnato 70 libbre di liquido, il tutto senza diagnosi.

A un certo punto Fajgenbaum era così malato che un sacerdote ha amministrato l'estremo rito. Infine, un patologo della Mayo Clinic ha individuato una diagnosi: malattia di Castleman multicentrica idiopatica. Il disturbo, la cui causa è sconosciuta, ingrandisce i linfonodi e colpisce più organi. 

Negli 11 anni dalla sua diagnosi Fajgenbaum è entrato a far parte della facoltà Penn e ha dedicato la sua carriera alla ricerca di un trattamento per la sua condizione e alla promozione di una più ampia consapevolezza delle malattie rare in generale.

Fajgenbaum, che ha raccontato il suo viaggio nel libro di memorie più venduto Chasing My Cure: A Doctor's Race to Turn Hope into action, ampliato le sue esperienze in un virtuale Grand Rounds presentazione al Dipartimento di Medicina Interna dell'Università del New Mexico il 28 gennaio.

L'esperienza di Fajgenbaum è abbastanza tipica per chi soffre di una malattia rara, afferma Tudor Oprea, MD, PhD, che ha ospitato la presentazione di Fajgenbaum.

Oprea, capo della Divisione Informatica traslazionale dell'Università del New Mexico, afferma che poiché le malattie rare colpiscono relativamente poche persone, poche ricerche sono dedicate allo studio o alla ricerca di trattamenti efficaci. Come Fajgenbaum, la maggior parte dei pazienti affetti da malattie rare visita uno specialista dopo l'altro alla ricerca di una diagnosi corretta.

"È perché sono rare che dobbiamo prestare attenzione a queste malattie", afferma Oprea, osservando che Giornata delle Malattie Rare – osservata ogni anno il 28 febbraio – mette in evidenza il fatto che 300 milioni di persone nel mondo convivono con una di queste condizioni. 

Oprea e collaboratori di tutto il mondo hanno recentemente setacciato vari database per rivedere il numero stimato di malattie rare da circa 7,000 a quasi 10,400. Nella maggior parte dei casi, si sa poco dei geni sottostanti che guidano queste malattie o delle proteine ​​per cui codificano.

A peggiorare le cose, porzioni significative del genoma umano rimangono inesplorate in termini di funzione, complicando la ricerca di terapie efficaci.

"Continua a esserci un enorme divario tra la ricerca di base e la medicina", afferma Oprea. Infatti, mentre le pubblicazioni scientifiche relative alle malattie rare sono nell'ordine delle centinaia di migliaia, il numero di terapie approvate per le malattie rare è inferiore a 500.

Nella sua presentazione Grand Rounds, Fajgenbaum ha raccontato come i suoi medici hanno cercato una terapia per curare i suoi sintomi, provando prima una combinazione di sette farmaci chemioterapici. "Per fortuna, la chemioterapia ha avuto effetto e mi ha salvato la vita appena in tempo", dice.

Negli anni successivi soffrì di ricadute periodiche e i suoi medici gli dissero che non c'erano nuovi farmaci in via di sviluppo che potessero aiutarlo. Fajgenbaum è stato ulteriormente costernato nell'apprendere che non erano in corso ricerche significative e nessun finanziamento dal National Institutes of Health.

"Cosa fai quando non rispondi a tutti i farmaci che sono mai stati studiati?" lui dice. "L'unica cosa rimasta è un nuovo approccio".

Fajgenbaum ha istituito un laboratorio a Penn per studiare la malattia di Castleman e ha avviato la Castleman Disease Collaborative Network. Studiando le sue stesse analisi del sangue, si è reso conto che diverse molecole infiammatorie si sono elevate appena prima di ogni ricaduta. Ciò che avevano in comune era una proteina regolatrice nota come mTOR.

Fortunatamente, era noto che un farmaco immunosoppressore esistente chiamato sirolimus blocca gli effetti di mTOR. Sette anni dopo aver iniziato a prenderlo, Fajgenbaum non ha avuto un'altra ricaduta.

Oggi dirige il Penn's Center for Cytokine Storm Treatment and Laboratory. Ha ricevuto milioni di dollari in finanziamenti per la ricerca dal governo federale e dalle aziende farmaceutiche e sta studiando potenziali terapie per pazienti con altre forme di malattia di Castleman.

Nel frattempo, Fajgenbaum e Oprea stanno pianificando future collaborazioni nella ricerca di nuove terapie per le malattie rare.

Categorie: Salute, Notizie che puoi usare, Research, Facoltà di Medicina, Prima pagina