Traduci
${alt}
di Michael Haederle

New Hope

Ricercatori studiano un nuovo approccio per il trattamento di pazienti gravemente depressi con terapia elettroconvulsiva

La terapia elettroconvulsivante (ECT) fornisce sollievo a molte persone gravemente depresse, ma la procedura, che eroga corrente elettrica pulsata per indurre convulsioni nel cervello, comporta un delicato atto di bilanciamento.

I pazienti il ​​cui cervello riceve troppa poca corrente non vedono abbastanza benefici antidepressivi. Troppo, d'altra parte, può causare perdita di memoria a breve termine e altri effetti collaterali cognitivi.

cristoforo-abate-md.jpg"Tutti quelli che attualmente ricevono ECT ricevono la stessa corrente", spiega Christopher Abbott, MD, professore associato presso il Dipartimento di Psichiatria e Scienze Comportamentali dell'Università del New Mexico e direttore medico del Servizio di terapia elettroconvulsivante. Ma non esistono due persone uguali: il volume del cervello, lo spessore del cranio e altri fattori influenzano la quantità di corrente che arriva dove deve andare.

Ora, grazie a una sovvenzione quinquennale di 3.8 milioni di dollari del National Institutes of Health, Abbott e il professore associato Davin Quinn, MD, stanno testando un nuovo approccio all'ECT ​​che potrebbe adattare più da vicino il trattamento alle esigenze di ogni individuo.

Basandosi su studi precedenti che coinvolgono soggetti animali, il team aumenterà gradualmente l'ampiezza della corrente elettrica fino al punto di indurre un attacco. Quindi, con l'aiuto della risonanza magnetica, calcoleranno quanto oltre quel livello devono spingersi per ottenere una risposta terapeutica.

Sperano di fornire un dosaggio di precisione rispetto all'ECT ​​tradizionale, risparmiando ai pazienti problemi cognitivi. E se il metodo funziona, potrebbe essere facilmente adottato da altri clinici.

Il cervello dei pazienti depressi mostra segni di atrofia, dice Abbott. È noto che l'ECT ​​aumenta il volume dell'ippocampo, una struttura cerebrale strettamente associata ai sintomi della depressione, e i ricercatori sospettano che il campo elettrico stimoli i neuroni a rafforzare le connessioni tra loro, invertendo la depressione.

"La chiamiamo neuroplasticità", afferma Abbott. "Stiamo cercando di normalizzare il cervello".

Le persone esposte ai campi elettrici più elevati hanno aumenti di volume dell'ippocampo molto grandi, afferma Abbott, ma ciò è spesso associato a un deterioramento cognitivo. "Pensiamo che esista un punto debole per il dosaggio dell'ECT ​​e il relativo cambiamento di volume dell'ippocampo", afferma. "È la dose per la risposta antidepressiva perfetta senza deterioramento cognitivo".

Poiché lo studio coinvolge soggetti umani, questo nuovo approccio alla fornitura di ECT richiede la modifica dell'attrezzatura che controlla la corrente. Il team ha ricevuto un'eccezione per il dispositivo sperimentale dalla Food and Drug Administration a tale scopo, afferma Abbott.

L'ECT attualmente avvantaggia dal 60 al 70 percento di quelli trattati e il nuovo metodo promette di aiutare altri pazienti, afferma Abbot. "Vedere le persone reagire, specialmente le persone gravemente depresse, non invecchia mai", dice. “Faccio questo da 12 anni. Non smette mai di essere una sorpresa quando lo vedi funzionare.”

Ma il vero merito è dovuto ai pazienti che sono disposti a partecipare allo studio, dice. 

"Questi sono individui davvero gravemente depressi", dice Abbott. “Sono le persone al loro peggio. Sono davvero fortunato a lavorare con pazienti che stanno lottando, ma che sono pronti e in grado di aiutare con questo tipo di ricerca”.

Categorie: Salute, Research, Facoltà di Medicina, Prima pagina