Traduci
${alt}
di Rebecca Sena

RADx-UP

Lo studio UNM mira a ridurre la diffusione del COVID-19 nei minatori del New Mexico

La pandemia di COVID-19 ha colpito in modo sproporzionato popolazioni vulnerabili nel New Mexico e i minatori sono tra i più colpiti.

Akshay Sood, MD, professore presso il Dipartimento di Medicina Interna dell'Università del New Mexico, è stato finanziato dal programma RADx-UP del National Institutes of Health per ricercare la prevenzione e la gestione di COVID-19 nei minatori del New Mexico. La sovvenzione di $ 1.7 milioni è l'unica del suo genere nello stato.

Sood, che detiene anche la cattedra di malattie polmonari legate all'attività mineraria del Colfax Medical Center, spiega che i minatori sono costantemente esposti all'inquinamento atmosferico dovuto al particolato nella polvere che inalano.

"C'è un'epidemia di malattie polmonari legate alla polvere, come il polmone nero, negli Stati Uniti, e siamo in prima linea nella lotta contro quell'epidemia", afferma Sood, aggiungendo che il termine "twindemic", originariamente coniato per descrivere il il verificarsi simultaneo di COVID-19 e influenza, può essere applicato anche alla fusione dell'epidemia di polmone nero e COVID-19.

"Ci sono anche prove che le comunità che vivono con un inquinamento atmosferico ad alto particolato corrono il rischio di morire di COVID-19", afferma Sood.

Oltre alle condizioni di lavoro, anche la natura del lavoro rende i minatori particolarmente sensibili al COVID-19. "A differenza di noi, che possiamo avere orari di lavoro flessibili, telelavoro e mantenere le distanze di sicurezza secondo le linee guida, i minatori non possono fare nulla di quanto sopra", afferma Sood. "Queste tre linee guida principali che tutti noi seguiamo, non si applicano ai minatori".

L'estrazione mineraria è stata considerata un'industria essenziale per l'economia del New Mexico, afferma. “Se queste miniere si chiudono, la sicurezza energetica del nostro Paese viene ostacolata”. Sood e il suo team non erano solo interessati a studiare un luogo di lavoro essenziale, ma volevano anche concentrare lo studio su un luogo di lavoro rurale.

"I minatori sono una popolazione svantaggiata, prevalentemente minoritaria e rurale, abbastanza unica e a rischio di sviluppare COVID-19 e di avere complicazioni legate al COVID-19", afferma Sood.

Circa i due terzi della popolazione di minatori sono ispanici o indiani d'America e tendono ad essere uomini, entrambi considerati gruppi ad alto rischio, afferma Sood. "Alcuni dati del New Mexico suggeriscono che le cariche virali sono più elevate nelle popolazioni di indiani d'America e anche quelle popolazioni tendono ad essere più sintomatiche", afferma.

Un altro problema derivante dalla pandemia di COVID-19 è lo sviluppo di casi asintomatici. "Dobbiamo essere in grado di esaminare sia i casi sintomatici che quelli asintomatici", afferma Sood.

Lo studio utilizzerà semplici test di sorveglianza all'avanguardia senza fare affidamento sui test RT-PCR standard utilizzati negli ospedali. Lo strumento di sorveglianza, chiamato anche test indice, è basato sull'antigene e richiede solo 15 minuti per essere completato. Sarà considerato un test point-of-care, il che significa che sarà completato presso o vicino al sito di raccolta.

"Il nostro approccio è quello di eseguire test frequenti a ogni turno di lavoro alternativo e chiederemo alle persone di fare i propri tamponi al naso", spiega Sood.

Lo studio iniziale confronterà la capacità dei due test di rilevare la presenza di COVID-19 da tamponi nasofaringei. "Non solo [lo studio] ci consentirà di generare dati di ricerca utili, ma anche di offrire strumenti che non esistono in nessuna parte del paese su base commerciale", afferma Sood.

Sood e il suo team multidisciplinare, che include minatori comunitari e funzionari minerari, sono entusiasti di iniziare il progetto. 

"Questa ricerca si inserisce davvero nell'impegno a lungo termine che l'Università del New Mexico ha nei confronti dei minatori svantaggiati, prevalentemente razziali/etnici del New Mexico", afferma. “È un altro pezzo della nostra storia a lungo termine.”

Categorie: Impegno della comunità, salute, Ricerca, Facoltà di Medicina, Prima pagina