Traduci
${alt}
Di Rebecca Roybal Jones

latine che guidano

La pediatra Teresa Vigil trova gioia nei suoi pazienti e negli studenti di medicina che guida

Anni fa come studente della UNM School of Medicine, Teresa A. Vigil, MD, pensava di essere sulla buona strada per intraprendere una carriera in oncologia.

Ma tutto è cambiato quando ha iniziato la sua rotazione in pediatria, che ha poi portato a una residenza in pediatria nel 2003.

"Mi sentivo bene ad andare al lavoro ogni giorno", ricorda.

E lo fa ancora, anche se le sue visite ai pazienti sono condotte su Zoom a causa di COVID-19, invece che presso l'ospedale dell'Università del New Mexico.

"Una delle mie cose preferite da fare è parlare con un bambino", dice Vigil, aggiungendo che le dà anche una scusa per stare al passo con gli ultimi fumetti e i personaggi Marvel.

vigil_teresa-4185-2443-x-3420.jpg

In questi giorni chiede ai suoi giovani pazienti come stanno. Stanno dormendo bene? “'Come stai visto che non puoi vedere i tuoi amici a scuola?' Parlo con famiglie e bambini (della pandemia)”, dice.

Professore nel Dipartimento di Pediatria dell'UNM, Vigil ha completato la sua residenza presso l'UNM nel 2006 e ha continuato come residente principale dal 2006 al 2007. Da allora è in Pediatria, diventando professore ordinario l'anno scorso. È anche assistente preside degli studenti di medicina presso l'Office of Medical Student Affairs e ricopre il ruolo dal 2016.

Nel campus dell'UNM Health Sciences, Teresa A. Vigil (pronunciato Teh-DEH-sa) è affettuosamente conosciuta dai suoi colleghi e studenti come "TV". “Mi distingue dalle altre persone”, dice. "Chiamami TV".

Vigil è cresciuto a Las Vegas, nel Nuovo Messico, e proviene da una famiglia con una lunga storia nello stato. Attribuisce alla sua famiglia affiatata la sua ispirazione. Sua madre era un'insegnante di prima elementare e suo padre era professore di scienze politiche alla New Mexico Highlands University. 

"Non sarei da nessuna parte senza i miei genitori", dice. “Mi hanno sempre incoraggiato a fare esattamente quello che volevo fare. Quel pensiero e quell'incoraggiamento mi hanno portato qui". 

Prima di iscriversi alla facoltà di medicina, ha conseguito la laurea in biologia presso l'UNM e ha lavorato presso i laboratori di riferimento TriCore dell'UNM Hospital per un paio d'anni. Ha iniziato la scuola di medicina nel 1999.

"Ero convinta che avrei fatto oncologia medica", dice. “Avevo uno zio che aveva un tumore al cervello, ed è probabilmente da lì che è iniziato (il mio interesse per la medicina). Amavo l'ematologia e l'oncologia. Nel mio terzo anno, ho gravitato per i pazienti con il cancro. Ma quando sono arrivato in pediatria, mi sono sentito come a casa».

Ha deciso di perseguire la residenza principale in modo che potesse conoscere i ruoli amministrativi. "Mi sentivo come se potessi gestire le cose abbastanza bene", dice Vigil. "Mi sembrava giusto che potessi usare le capacità organizzative con cui sono nato".

Il tutoraggio degli studenti di medicina è una parte importante del lavoro. Vigil attinge alle proprie esperienze di mentore. "Cerco davvero di ascoltare cosa vogliono fare prima di prendere una decisione su come aiutarli", dice.

“Cerco solo di ricordare che sono unici. Chiedo loro: 'Qual è il tuo background? Cos'hai fatto? Quali sono le tue esperienze?' Posso avere un'idea di dove vogliono andare. Non sono lì per influenzarli. Sono lì per tenerli sulla buona strada per qualcosa che vogliono fare".

Nel 2014, Vigil è passata a lavorare con gli studenti di medicina come Assistant Dean of Medical Students nell'Office of Medical Student Affairs, un ruolo che ama.

"Riesco a comportarmi come un pastore, spingendo gli studenti dove dovrebbero andare", dice. Ma, aggiunge, "non sono come un pastore".

Vigil si descrive più come un pastore tedesco. "Uso quell'analogia", dice. "In realtà sto mordicchiando le dita dei piedi e dando loro una gomitata con il naso."

Adora guardare l'"incredibile metamorfosi" degli studenti. "Nel loro quarto anno, sono medici", dice. "Entrano con il desiderio di prendersi cura delle persone e escono di qui pronti a prendersi cura di loro".

 

Categorie: Diversità, Istruzione, Facoltà di Medicina, Prima pagina