Traduci
${alt}
di Michael Haederle

Repurposing di droga

I ricercatori dell'UNM scoprono che i farmaci esistenti possono combattere l'infezione da coronavirus

Ricercatori dell'Università del New Mexico che hanno setacciato una "biblioteca" di farmaci precedentemente approvati credono di aver identificato un farmaco con il potenziale per aiutare ad accelerare il recupero di un paziente dall'infezione da SARS-CoV-2.

"La sostanza è che pensiamo di aver trovato un farmaco alla pari con remdesivir ed è molto più economico", ha affermato Tudor Oprea, MD, PhD, professore di medicina e scienze farmaceutiche e capo della divisione UNM di informatica traslazionale. Remdesivir è un farmaco antivirale relativamente nuovo che ha dimostrato di ridurre i ricoveri ospedalieri per coloro che si stanno riprendendo dal nuovo coronavirus.

In un articolo pubblicato questa settimana a ACS Farmacologia e scienza traslazionale, Oprea e i suoi colleghi, in collaborazione con un team dell'Università del Tennessee Health Science Center guidato dal professor Colleen Jonsson, PhD, hanno riferito che un vecchio farmaco antimalarico chiamato amodiachina era efficace nell'eradicare il virus negli esperimenti in provetta.

Tudor Oprea, MD, PhDÈ stato uno dei tre candidati promettenti identificati in un processo che ha comportato lo studio delle caratteristiche molecolari di circa 4,000 farmaci approvati per uso umano dalla Food and Drug Administration e da altre agenzie. I ricercatori speravano di trovare farmaci che avrebbero preso di mira le vulnerabilità note nel virus.

Anche gli altri due farmaci, un antipsicotico chiamato zuclophentixol e un farmaco per la pressione sanguigna chiamato nebivololo, hanno eliminato il virus negli esperimenti, ha affermato Oprea, che è stato l'autore corrispondente del nuovo documento. I ricercatori pensano che uno qualsiasi di questi tre farmaci potrebbe essere combinato con remdesivir o un farmaco antivirale correlato chiamato favipiravir per sferrare un attacco più potente al virus.

La combinazione di due farmaci potrebbe significare che potrebbero essere somministrate dosi più basse di ciascuno, riducendo la probabilità di reazioni avverse, ha detto.s La somministrazione di due farmaci rende anche meno probabile che il virus sviluppi una mutazione rendendolo immune dal trattamento.

"Pensalo come un gioco a colpi di talpa", ha detto Oprea. “Invece di avere un martello, hai due martelli, che è più efficace. Stiamo cercando di dare alla comunità scientifica due martelli invece di uno».

Molti composti che mostrano attività antivirale in un ambiente di laboratorio non hanno lo stesso effetto negli organismi viventi, osserva Oprea, quindi il passo successivo è organizzare studi clinici per vedere se i farmaci funzionano nei pazienti positivi al COVID.

Il processo di screening dei farmaci UNM è iniziato con Oprea e il suo collega Larry Sklar, PhD, Distinguished Professor presso il Dipartimento di Patologia. Hanno usato metodi computazionali per identificare i farmaci candidati misurando la loro somiglianza con l'idrossiclorochina, un farmaco antimalarico da allora screditato che era stato ampiamente pubblicizzato come un trattamento COVID-19. A causa delle variazioni molecolari di alcuni farmaci, sono state valutate più di 6,000 combinazioni.

I probabili candidati sono stati inoltrati a Steven Bradfute, PhD, assistente professore presso il Center for Global Health, che ha testato i composti contro campioni del virus nel suo laboratorio di Biosafety Level-3. Successivamente, gli esperimenti sono stati ripetuti dagli scienziati dell'Università del Tennessee per fornire una conferma indipendente dei risultati e hanno utilizzato un test aggiuntivo che rivela la potenza dei farmaci contro il virus, ha affermato Oprea.

L'amodiachina, prodotta per la prima volta nel 1948, è inclusa nell'elenco dei medicinali essenziali dell'Organizzazione mondiale della sanità. Ha un buon profilo di sicurezza ed è ampiamente usato in Africa per curare la malaria. Zuclophentixol è stato usato per trattare la schizofrenia dagli anni '1970, mentre il nebivololo è stato usato per l'ipertensione dalla fine degli anni '1990.

Oltre a Oprea, Sklar e Bradfute, i membri della facoltà dell'UNM che hanno partecipato allo studio includevano Giovanni Bocci e Cristian Bologa della Translational Informatics Division, Chunyan Ye e Douglas J. Perkins del Center for Global Health e Matthew J. Garcia del Center for Scoperta molecolare.

Categorie: Salute, Research, Facoltà di Medicina, Prima pagina