Traduci
${alt}
di Michael Haederle

Vantaggi limitati

I ricercatori dell'UNM trovano difetti nella terapia di convalescenza per COVID-19

Gli ospedali di tutto il mondo stanno curando pazienti affetti da COVID-19 con plasma prelevato da persone che si sono riprese dalle infezioni nella speranza che i loro anticorpi si leghino e neutralizzino il virus.

Ma in un recente studio i ricercatori dell'Università del New Mexico identificano carenze potenzialmente gravi nell'uso del cosiddetto plasma "convalescente", riportando che nessuno dei 12 pazienti dell'UNM Hospital che hanno ricevuto il trattamento sembrava trarne beneficio.

"Ci siamo fermati dopo aver arruolato 13 pazienti [nello studio] dopo aver ricevuto alcuni dati che mostravano che la maggior parte del plasma convalescente conteneva pochi o nessun anticorpi neutralizzanti e in realtà non li aiutava a migliorare i loro livelli di anticorpi", ha affermato Michelle Harkins, MD, capo divisione di pneumologia, terapia intensiva e medicina del sonno.

Il documento, accettato online questa settimana dal Journal of Infectious Diseases, riflette una collaborazione unica tra la sua divisione, la Divisione di malattie infettive e il Centro per la salute globale dell'UNM, ha affermato Harkins. 

michelle-harkins-md.jpg

Dodici pazienti arruolati nello studio sono stati seguiti per 14 giorni dopo trasfusioni di plasma convalescente. I ricercatori erano particolarmente interessati alla presenza di anticorpi neutralizzanti, proteine ​​immunitarie create su misura dall'organismo per colpire il coronavirus SARS-CoV-2.

Alla fine del periodo di prova, non c'erano prove che il plasma convalescente avesse innescato una forte risposta immunitaria nei pazienti ospedalizzati. E durante i test, è stato stabilito che il plasma – raccolto da diversi donatori – ha mostrato ampie differenze nelle concentrazioni di questi anticorpi neutralizzanti, hanno trovato.

Il team ha anche misurato i livelli di anticorpi Immunoglobulina M (IgM), che sono i primi ad essere prodotti nel corpo quando il sistema immunitario rileva un'infezione, e gli anticorpi Immunoglobulina G (IgG), che innescano una risposta immunitaria più duratura. La presenza di IgG non si è tradotta in alti livelli di anticorpi neutralizzanti, ha detto Harkins.

"Siamo rimasti sorpresi", ha detto. "Solo perché il plasma ha un livello rilevabile di anticorpi IgG non significa che abbia abbastanza anticorpi neutralizzanti per essere terapeuticamente efficace".

L'uso del plasma convalescente raccolto da pazienti guariti è una tecnica secolare che si è dimostrata efficace nel combattere altre infezioni virali e molti medici si sono rivolti ad essa perché sono disponibili pochi altri trattamenti medici efficaci, ha detto Harkins.

I ricercatori dell'UNM ritengono che le concentrazioni di anticorpi neutralizzanti nel plasma convalescente possano variare a seconda della gravità della malattia del donatore e di quanto tempo è trascorso prima della donazione. Lo studio sottolinea la necessità di testare le concentrazioni di anticorpi neutralizzanti prima di somministrare plasma convalescente ai pazienti.

Sottolineano inoltre che ciascuno dei pazienti ha ricevuto 200 millilitri standardizzati di plasma, sebbene i pazienti variassero notevolmente in età e peso, suggerendo che la quantità di plasma somministrata deve corrispondere alle dimensioni corporee di ciascun paziente.

I risultati sottolineano quanto resta da imparare sul nuovo coronavirus e sui suoi effetti nel corpo, motivo per cui è importante condividere con la più ampia comunità scientifica le potenziali carenze della terapia al plasma convalescente, ha affermato Harkins.

È molto presto nella pandemia", ha detto Harkins. “Tutti vogliono avere una risposta. Il nostro studio è stato un piccolo numero di pazienti, quindi non possiamo dire che abbia aiutato nessuno. Non ha fatto male a nessuno".

La linea di fondo, dice, è "dobbiamo sapere cosa stiamo usando e dobbiamo sapere di più su come la risposta immunitaria del corpo lo riceverà e su come funzionerà".

Categorie: Salute, Research, Facoltà di Medicina, Prima pagina