Traduci
${alt}
di Michael Haederle

Alla ricerca di tsunami cerebrali

Il neurochirurgo dell'UNM Andrew Carlson sottolinea la necessità di monitorare da vicino i pazienti con lesioni cerebrali

Quando un paziente con un cervello ferito giace privo di sensi in terapia intensiva i medici hanno urgente bisogno di scoprire cosa sta succedendo all'interno della "scatola nera", perché tali informazioni li aiuteranno a decidere il miglior corso di trattamento.

Presso l'unità di terapia intensiva di neuroscienze all'avanguardia dell'ospedale dell'Università del New Mexico, un team di specialisti utilizza una tecnologia sofisticata per monitorare i pazienti con lesioni cerebrali, compresi quelli che hanno subito lesioni cerebrali traumatiche, rotture di aneurisma, emorragia subaracnoidea e ictus.

"Probabilmente abbiamo più persone con esperienza specialistica nell'assistenza neurocritica rispetto a quasi tutti i luoghi del paese", afferma il neurochirurgo dell'UNM Andrew Carlson, MD. "Stiamo davvero guidando il paese e il mondo nel monitorare le persone con come sta il loro cervello".

andrew-carlson-md

A causa delle loro lesioni, i pazienti in terapia intensiva neurologica sono a maggior rischio di sviluppare un'elevata pressione intracranica, una condizione potenzialmente letale in cui un accumulo di liquido o gonfiore all'interno del cranio danneggia il fragile tessuto cerebrale, afferma.

Sensori sottili della larghezza di una punta di matita possono essere inseriti attraverso il cranio per monitorare la pressione intracranica, il liquido spinale, l'ossigeno e altri fattori, afferma Carlson. Alcuni anni fa, i medici dell'UNM hanno contribuito all'uso pionieristico del sistema di neuromonitoraggio Hummingbird, che richiede che un singolo foro venga praticato attraverso il cranio sia per drenare il liquido cerebrospinale in eccesso sia per monitorare la salute del tessuto cerebrale. 

Carlson è recentemente diventato il primo neurochirurgo al mondo a utilizzare una nuova versione semplificata del sistema Hummingbird che misura solo la pressione intracranica con un paziente che si stava riprendendo da un intervento chirurgico al cervello d'urgenza a seguito di una lesione traumatica.

"È estremamente facile da inserire", afferma Carlson del dispositivo, che, a differenza di una vecchia generazione di sonde, può essere ricalibrato al posto letto per garantire una lettura accurata della pressione per molti giorni di monitoraggio.

"La fisiologia del cervello può essere molto complessa", osserva. “Può essere difficile capire se qualcuno ha un flusso sanguigno eccessivo o insufficiente, o se ha gonfiore. In un paziente incosciente con una grave lesione cerebrale i trattamenti potrebbero essere molto diversi per queste cose”.

Il monitoraggio della pressione assume ulteriore importanza quando un paziente è in coma e non è in grado di sottoporsi ai test convenzionali per il funzionamento neurologico. "È un modo per guardare dentro la scatola nera", dice.

Carlson, un assistente professore presso il Dipartimento di Neurochirurgia dell'UNM, si è laureato presso la Scuola di Medicina dell'UNM e ha completato la sua residenza nel 2011, seguito da borse di studio presso l'Università dell'Illinois a Chicago e la University of South Florida.

Il suo lavoro nel rilevare e curare i cervelli feriti si estende a una borsa di studio che ha ricevuto come membro del Centro UNM per il recupero e la riparazione del cervello. La ricerca si concentra sulla depolarizzazione a diffusione corticale - "tsunami cerebrali" distruttivi che si irradiano da un punto focale a seguito di un trauma cranico o di un ictus.

Carlson sta studiando se queste depolarizzazioni lasciano segni rivelatori nella funzione neurologica e se gli approcci per colpire questi eventi potrebbero migliorare i risultati.

Vuole anche identificare i fattori che influenzano il tipo di depolarizzazione che un paziente sperimenta, oltre a determinare il modo migliore per definire e valutare questi tsunami cerebrali.

"Pensiamo che questi tsunami cerebrali influenzino il modo in cui le persone possono riprendersi dalle ferite", afferma Carlson.

Categorie: Salute, Research, Facoltà di Medicina, Prima pagina