Traduci
Dario Marchetti, PhD
di Michele Sequeira

Sviluppare un esame del sangue per il cancro al seno

I ricercatori dell'UNM Cancer Center scoprono che la "biopsia liquida" può individuare le cellule del cancro al seno prima che un tumore si diffonda

Prendere precocemente il cancro al seno può dare alle donne le migliori possibilità di sconfiggere la malattia. Le mammografie aiutano a contrarre il cancro al seno nelle sue fasi iniziali, di solito prima che una donna avverta i sintomi, e possono offrire alle donne la maggior parte delle scelte di trattamento.

Ma Dario Marchetti, PhD, pensa che le mammografie non riescano a trovare il cancro abbastanza presto. Lui e il suo team stanno sviluppando strumenti per trovare le cellule tumorali nel sangue, prima che il tumore primario diventi abbastanza grande da poter essere visto su una mammografia e prima che i tumori possano crescere in altre parti del corpo. Il loro lavoro è stato segnalato nell'edizione del 19 giugno 2020 di Tumori.

Marchetti è professore di Medicina Molecolare e Patologia presso la Facoltà di Medicina dell'Università del New Mexico. Presso l'UNM Comprehensive Cancer Center, studia come si diffondono i tumori del cancro.

I tumori ritornano in circa un terzo delle 275,000 donne negli Stati Uniti a cui viene diagnosticato un cancro al seno ogni anno, afferma Marchetti. Solo il 20% circa di queste donne vive per più di cinque anni dopo la ricomparsa del tumore. "Quando il cancro si ripresenta", dice Marchetti, "ricorre con una vendetta".

dario-marchetti-phd.jpgI tumori del cancro al seno, come la maggior parte dei tumori solidi, rilasciano cellule nel flusso sanguigno. Quando queste cellule raggiungono altre parti del corpo, possono iniziare nuovi tumori lì. Marchetti afferma che questo processo, chiamato seeding metastatico, inizia da due a quattro anni prima della diagnosi, prima che il tumore primario diventi abbastanza grande da essere visto su una mammografia.

Poiché il tumore primario cresce due volte più velocemente dei tumori seminati, Marchetti e il suo team vogliono cercare cellule tumorali nel sangue prima che possano iniziare nuovi tumori. Quando eseguono una procedura chiamata biopsia liquida, trovare le cellule tumorali nel sangue è tutt'altro che facile. Le cellule tumorali circolanti, afferma Marchetti, "sono incredibilmente rare: solo una cellula tumorale per ogni miliardo di cellule normali nel sangue".

La maggior parte delle cellule tumorali circolanti muore entro 24 ore dall'ingresso nel flusso sanguigno, afferma Marchetti. "Sono anche molto più fragili delle cellule normali".

Neanche le cellule tumorali si assomigliano o si comportano come le altre. "Il cancro è eterogeneo", afferma Marchetti. Quindi, solo perché una cellula non ha l'aspetto o non si comporta come il miliardo di altre cellule non significa che sia una cellula cancerosa in grado di provocare un nuovo tumore.

Per identificare le cellule cancerose che alla fine avrebbero portato a tumori in altri organi, Marchetti e il suo team hanno sviluppato un modo per testare ogni cellula in un campione di sangue. Nel loro lavoro, gli scienziati hanno prelevato cellule da donne con cancro al seno e le hanno coltivate in topi privi di sistema immunitario. Quindi, hanno raccolto campioni di cellule da molti organi diversi all'interno del corpo di ciascun topo.

Dopo aver separato le cellule tumorali umane dalle cellule di topo, Marchetti e il suo team hanno confrontato le cellule tumorali di tutti i loro campioni di organi. Quello che hanno scoperto è che alcune cellule tumorali si sono nascoste all'interno del corpo. Queste cellule dormienti hanno trovato luoghi in cui potevano vivere in pace e non hanno iniziato nuovi tumori. Altri, ha scoperto il team, hanno avviato tumori che sono cresciuti rapidamente.

Marchetti e il suo team hanno confrontato i geni e le proteine ​​all'interno delle diverse cellule tumorali. Hanno scoperto che i geni nelle cellule dormienti differivano notevolmente dai geni nelle cellule che hanno generato nuovi tumori.

"Il nostro lavoro ha implicazioni cliniche per personalizzare i farmaci, definire gli inibitori - o entrambi - per interventi clinici precisi", afferma.

Ma Marchetti avverte che gli esami del sangue per i tumori al seno - e i trattamenti personalizzati basati su questi test - sono ancora molto lontani. Questa ricerca, dice, dimostra solo ulteriormente la validità delle biopsie liquide.

Prima che le biopsie liquide possano essere utilizzate di routine, sono necessarie ulteriori ricerche negli animali con cellule immunitarie funzionanti e quindi in molte persone, per un periodo di diversi anni e con diversi tipi di cancro. E le biopsie liquide devono essere in grado di dire ai medici dove si trova il cancro nel corpo.

Tuttavia, Marchetti spera che un giorno si possano trovare i tumori e che i trattamenti siano personalizzati, prima ancora che il primo tumore possa essere visto.

 

UNM Centro completo per il cancro

L'University of New Mexico Comprehensive Cancer Center è il Cancer Center ufficiale del New Mexico e l'unico Cancer Center designato dal National Cancer Institute in un raggio di 500 miglia.

I suoi 146 medici specializzati in oncologia certificati includono chirurghi oncologici in ogni specialità (tumori addominali, toracici, ossei e dei tessuti molli, neurochirurgia, genito-urinario, ginecologia e della testa e del collo), ematologi/oncologi medici adulti e pediatrici, oncologi ginecologici e radioterapisti. oncologi. Insieme a più di 600 altri operatori sanitari oncologici (infermieri, farmacisti, nutrizionisti, navigatori, psicologi e assistenti sociali), forniscono cure al 65% dei malati di cancro del New Mexico provenienti da tutto lo stato e collaborano con i sistemi sanitari comunitari in tutto lo stato per fornire cura del cancro più vicino a casa. Hanno trattato 13,578 pazienti in 105,748 visite ambulatoriali oltre a ricoveri ospedalieri presso l'UNM Hospital.

Un totale di 1,610 pazienti hanno partecipato a studi clinici sul cancro, inclusi 696 pazienti che hanno partecipato a studi clinici per testare nuovi trattamenti contro il cancro che includono test di nuove strategie di prevenzione del cancro e sequenziamento del genoma del cancro.

I 102 ricercatori sul cancro affiliati all'UNMCCC hanno ricevuto 34.5 milioni di dollari in sovvenzioni e contratti federali e privati ​​per progetti di ricerca sul cancro e hanno pubblicato 301 pubblicazioni di alta qualità. Promuovendo lo sviluppo economico, hanno depositato più di 30 nuovi brevetti dall'AF16 e dal 2010 hanno lanciato 11 nuove start-up biotecnologiche. Gli scienziati associati all'UNMCCC Cancer Control & Disparities hanno condotto più di 60 studi di educazione, prevenzione, screening e intervento comportamentale sul cancro in tutto lo stato che coinvolgono più di 10,000 nuovi messicani.

Infine, i medici, gli scienziati e il personale hanno fornito esperienze di istruzione e formazione a più di 230 studenti delle scuole superiori, universitari, laureati e post-dottorato nella ricerca sul cancro e nell'assistenza sanitaria sul cancro.

Categorie: Centro oncologico completo, Salute, Ricerca, Facoltà di Medicina, Prima pagina