Traduci

Biografia

Sono interessato alla memoria, alla plasticità neurale, al modo in cui i neuroni si sincronizzano e al modo in cui i segnali vengono trasformati all'interno e tra le regioni del cervello. Voglio usare ciò che abbiamo appreso sul normale accoppiamento ippocampo-corticale per sviluppare nuove terapie per il trattamento dell'epilessia. Ho completato la mia laurea in neuroscienze alla McGill lavorando con Véronique Bohbot, il mio dottorato di ricerca alla Boston University con Howard Eichenbaum, e il mio postdoc con György Buzsáki al NYULMC. Da agosto 2020 sono assistente professore presso l'Istituto di neuroscienze dell'Università del New Mexico, Albuquerque.

Aree di specializzazione

Memoria
Plasticità sinaptica
Oscillazione neurale
Epilessia

Attività Educativa

PhD, Neuroscienze, (2014):
Boston University - Purdue University
Boston, MA

Risultati e premi

  • NIMH R00MH118423

Pubblicazioni chiave

https://scholar.google.com/citations?user=70S95lYAAAAJ&hl=en&oi=ao

Sesso

lui, lui

Le Lingue

  • Inglese

Ricerca

Studio come si formano gli spazi di memoria. In qualche modo il cervello comprime dettagli irrilevanti mentre analizza le caratteristiche che portano a futuri divergenti. Parte della sfida di costruire un tale spazio di memoria risiede nell'allocazione di attività neurali simili a situazioni che richiedono risposte comuni. Questa allocazione deve essere fatta correttamente se l'azione deve generalizzare in modo appropriato in nuove circostanze. Poiché ogni momento è unico, dobbiamo in qualche modo estrarre e generalizzare i punti in comune per comprendere la struttura causale del nostro mondo.

Come lo facciamo? In che modo il cervello richiama il giusto schema di attività neurale al momento giusto? Cosa significa che questi modelli sono abbastanza simili tra loro da guidare azioni appropriate? Qual è il codice neurale giusto da considerare per iniziare questa linea di indagine?

Una caratteristica importante è il modello di coattività neurale. Il mio lavoro si concentra su ciò che fa sì che alcuni neuroni si attivino insieme a spese di altri. Studio come si propagano questi schemi neurali e come le rappresentazioni neurali cambiano con l'apprendimento.

Le regole della sincronizzazione neurale possono andare storte durante l'epilessia. Oltre alla mia ricerca scientifica di base, il mio laboratorio sta lavorando allo sviluppo di algoritmi di previsione delle crisi e protocolli di stimolazione a ciclo chiuso per controllare la diffusione delle crisi. Una delle principali conseguenze dell'epilessia è il deficit di memoria. Il mio laboratorio cercherà di capire perché è così e cosa si può fare per aiutare.