Biografia

Jim Liu ha conseguito il B.Sc. dall'Università di Pechino, Cina, nel 1982, e Ph.D. laurea presso l'Università di Leeds, in Inghilterra, nel 1988. Attualmente è Distinguished Professor di Scienze Farmaceutiche e Neurologia presso l'Università del New Mexico Health Sciences Center, dove ricopre il ruolo di Associate Dean for Research presso il College of Pharmacy. La sua ricerca indaga la tossicità e la cancerogenesi dei metalli, nonché i meccanismi e la neuroprotezione delle lesioni cerebrali dovute a ictus, con un focus centrale sul ruolo delle specie reattive dell'ossigeno e dello stress ossidativo nello sviluppo di malattie. Il suo programma di ricerca è stato continuamente finanziato da sovvenzioni del National Institutes of Health (NIH) degli Stati Uniti negli ultimi 20 anni.

Dichiarazioni personali

I metalli sono affascinanti. Il nostro corpo ha bisogno di metalli essenziali, come lo zinco, per svolgere le normali funzioni fisiologiche, ma in condizioni fisiopatologiche può essere rilasciato troppo zinco, causando danni ai tessuti. Allo stesso modo, i metalli tossici, come l'arsenico, quando entrano nel nostro corpo, possono interferire con la normale funzione delle proteine ​​contenenti zinco, ancora una volta, portando allo sviluppo di malattie. Comprendere l'azione e l'interazione dei metalli è fondamentale per sviluppare interventi efficaci contro varie malattie.

Aree di specializzazione

Tossicità e cancerogenesi dei metalli
Lesioni cerebrali e neuroprotezione nell'ictus

Attività Educativa

Dottorato di ricerca, Università di Leeds, 1988
Laurea, Università di Pechino, 1982

Risultati e premi

Premio Investigator stabilito, American Heart Association. 2000

Premio Distinguished Faculty Scholar del Dean William M. Hadley College of Pharmacy, Università del New Mexico. 2008

Premio A. Earl Walker per i risultati eccezionali nella ricerca sulle neuroscienze, Università del New Mexico. 2013

Premio Eccellenza nella ricerca (scienza di base), Centro di scienze della salute, Università del New Mexico. 2016

Pubblicazioni chiave

Gazzetta articolo
Zhou, Xixi, Sun, X, Cooper, Karen, L Wang, F, Liu, Ke, J Hudson, Laurie, G 2011 L'arsenite interagisce selettivamente con le proteine ​​del dito di zinco contenenti motivi C3H1 o C4. Il Giornale di chimica biologica, vol. 286, Edizione 26, 22855-63
Gazzetta articolo
Pan, Rong, Yu, K, Weatherwax, T, Zheng, H, Liu, W, Liu, Ke, J Livello di occludina nel sangue 2017 come potenziale biomarcatore per il danno precoce della barriera ematoencefalica a seguito di ictus ischemico. Rapporti scientifici, vol. 7
Gazzetta articolo
Ding, W, Liu, W, Cooper, Karen, L Qin, X, J de Souza Bergo, P, L Hudson, Laurie, G Liu, Ke, J 2009 L'inibizione della poli(ADP-ribosio) polimerasi-1 da parte dell'arsenite interferisce con riparazione del danno ossidativo del DNA. Il Giornale di chimica biologica, vol. 284, Edizione 11, 6809-17
Gazzetta articolo
Zhou, Xixi, Cooper, Karen, L Sun, X, Liu, Ke, J Hudson, Laurie, G 2015 Sensibilizzazione selettiva dell'ossidazione delle proteine ​​del dito di zinco da parte di specie reattive dell'ossigeno attraverso il legame dell'arsenico. Il Giornale di chimica biologica, vol. 290, Edizione 30, 18361-9
Gazzetta articolo
Zhao, Y, Yan, F, Yin, J, Pan, Rong, Shi, W, Qi, Z, Fang, Y, Huang, Y, Li, S, Luo, Y, Ji, X, Liu, Ke, J 2018 L'interazione sinergica tra zinco e specie reattive dell'ossigeno amplifica il danno cerebrale ischemico nei ratti. Corsa, vol. 49, Edizione 9, 2200-2210

Ricerca e borsa di studio

La ricerca di Liu si concentra ampiamente in due aree diverse: tossicità dei metalli e neuroscienze/lesioni cerebrali. Nell'area della ricerca sui metalli, studia il meccanismo molecolare dell'arsenite ambientale e della tossicologia e cancerogenesi indotta dal cromo con particolare attenzione ai ruoli dei radicali liberi, alla modificazione ossidativa e nitrosativa delle proteine ​​di riparazione del DNA del dito di zinco e al supplemento di zinco come strategia di chemioprevenzione per ridurre la tossicità dell'arsenico e la cancerogenesi. Nell'area delle neuroscienze, il suo laboratorio sta studiando il meccanismo del danno neurovascolare e neuronale dovuto all'ictus e sta sviluppando attivamente strategie interventistiche per ridurre queste lesioni sia nei modelli animali che nei pazienti con ictus clinico.