Biografia

Bolt ha conseguito una laurea in biologia nel 2003 presso l'Università del Colorado settentrionale e un dottorato di ricerca. in Farmacologia e Tossicologia nel 2012 presso l'Università dell'Arizona. Seguito da una borsa di studio post-dottorato presso la McGill University dal 2012 al 2017.

Dichiarazioni personali

Sono sempre stato affascinato dal capire come funzionano le cose e scoprire perché. Questa curiosità ha davvero guidato la mia carriera nell'educazione scientifica. Quando ero alla scuola di specializzazione ho iniziato a conoscere il campo della tossicologia ambientale e l'importanza di ricercare in che modo le sostanze chimiche a cui siamo esposti nell'ambiente possono causare tossicità e portare a malattie. Mi sono subito entusiasmato per questo campo perché sposa il mio amore per la natura e il mio amore per la scienza!

Aree di specializzazione

Tossicologia dei metalli
Immunotossicologia
cancerogenesi

Attività Educativa

Dottorato di ricerca, Università dell'Arizona, 2012 (Farmacologia e Tossicologia)
BS. Università del Colorado, 2003 (Biologia)

Risultati e premi

Regent's Lecturer per l'Università del New Mexico, College of Pharmacy, 2020 - 2023
Destinatario del premio pilota per la ricerca istituzionale della UNM CCC dell'American Cancer Society, 2019

Pubblicazioni chiave

Gazzetta articolo
Chou, H, Grant, M, P Bolt, Alicia, M Guilbert, C, Plourde, D, Mwale, F, Mann, K, K 2020 Il tungsteno aumenta la differenziazione degli osteoclasti sesso-specifica nell'osso murino. Scienze tossicologiche: una rivista ufficiale della Società di Tossicologia
Gazzetta articolo
Bolt, Alicia, M Sabourin, V, Molina, M, F Polizia, A, M Negro Silva, L, F Plourde, D, Lemaire, M, Ursini-Siegel, J, Mann, K, K 2015 Il tungsteno prende di mira il microambiente tumorale per aumentare le metastasi del cancro al seno. Scienze tossicologiche: una rivista ufficiale della Society of Toxicology, vol. 143, Edizione 1, 165-77
Gazzetta articolo
Medina, S, Lauer, F, T Castillo, E, F Bolt, Alicia, M Ali, A, S Liu, Ke, J Burchiel, Scott, W 2020 Le esposizioni all'uranio e all'arsenico alterano le cellule immunitarie intraepiteliali e innate nell'intestino tenue di topi maschi e femmine. Tossicologia e farmacologia applicata, vol. 403
Gazzetta articolo
Zhou, Xixi, Medina, S, Bolt, Alicia, M Zhang, H, Wan, Guanghua, G Xu, H, Lauer, F, T Wang, S, C Burchiel, Scott, W Liu, Ke, J 2020 Inibizione del rosso sviluppo delle cellule del sangue mediante l'interruzione di GATA-1 indotta dall'arsenico. Rapporti scientifici, vol. 10, Numero 1, 19055
Gazzetta articolo
Wu, T, H Bolt, Alicia, M Chou, H, Plourde, D, De Jay, N, Guilbert, C, Young, Y, K Kleinman, C, L Mann, K, K 2019 Blocchi di tungsteno Murine B Differenziazione dei linfociti e Proliferazione attraverso la downregulation del recettore IL-7/segnalazione Pax5. Scienze tossicologiche: una rivista ufficiale della Society of Toxicology, vol. 170, Edizione 1, 45-56

Corsi insegnati

PHRM 305/805: Fisiopatologia e immunologia - Immunità innata e adattativa e Fisiopatologia delle malattie immunologiche
PHRM 825: Farmacoterapia Integrata II - Farmacologia degli Estrogeni e dei Progestinici, Farmacologia dei Farmaci per l'Osteoporosi, Fisiopatologia e Farmacologia dell'Artrite Reumatoide
PHRM 847: Farmacoterapia Integrata VII - Terapie antitumorali a base di anticorpi
PHRM 580: Tossicologia generale - Immunotossicologia

Ricerca e borsa di studio

La ricerca di Bolt si concentra sulla tossicologia dei metalli utilizzando modelli sia in vitro che in vivo. I suoi attuali interessi di ricerca riguardano lo studio dei meccanismi molecolari che guidano il modo in cui il metallo tungsteno può far avanzare la progressione del tumore prendendo di mira il microambiente tumorale circostante e come l'inalazione di particelle di metallo tungsteno migliora l'infiammazione e altera i fibroblasti, portando a malattie polmonari. Inoltre, sta attualmente studiando come l'esposizione per inalazione ai rifiuti misti delle miniere di metalli porti alla disfunzione immunitaria polmonare e all'alterata funzione dei fibroblasti, nell'ambito del programma UNM Metals Superfund. Bolt ha una vasta esperienza nell'uso di modelli di differenziazione cellulare primaria e citometria a flusso multiparametro come strumenti per caratterizzare la tossicità indotta da metalli e gli stati patologici.


pubblicazioni:
Medina S, Lauer FT, Castillo EF, Bolt AM, Ali AS, Liu KJ e Burchiel SW. L'esposizione all'uranio e all'arsenico altera le cellule immunitarie intraepiteliali e innate nell'intestino tenue di topi maschi e femmine. TAAP. 2020.

Guilbert C, Chou H, Bolt AM, Wu TH, Lou VM, Orthwein A e Mann KK. Un test funzionale per valutare la tossicità durante lo sviluppo delle cellule B murine in vitro. Curr Protoc Tossico. 2020 marzo; 83(1).

Wu TH*, Bolt AM*, Chou H, Plourde D, De Jay N, Guilbert C, Young YK, Kleinman CL e Mann KK. Il tungsteno blocca la differenziazione e la proliferazione delle cellule B attraverso la down-regulation della segnalazione del recettore IL-7. Scienziato tossico. 2019 luglio 1;170(1):45-56. * Co-primi Autori.

Bolt AM, Sabourin V, Flores Molina M, Police AM, Negro Silva LF, Plourde D, Lemaire M, Ursini-Siegel J e Mann KK. Il tungsteno prende di mira il microambiente tumorale per migliorare le metastasi del cancro al seno. Tossico. Sci. 2015 gennaio;143(1):165-77 Epub 2014 15 ottobre.